Un estratto del video realizzato da ANS per la campagna "Custa est s'ora"

Sa Die, appello dell’ANS: “Custa est s’ora di esporre la nostra bandiera!”

Scopri il nostro canale su Telegramle-notizie-di-centotrentuno-su-telegram

L’Assemblea Natzionale Sarda (ANS) in occasione di Sa Die de sa Sardigna, mercoledì 28 aprile, ha avviato la campagna social “Custa est s’ora”.

Dal 1993 il 28 aprile è la “Giornata del Popolo Sardo” e ANS intende renderla una vera propria festa nazionale, la festa del popolo sardo. Una festa in cui si ribadisce l’orgoglio di essere Sardi e di volerlo mostrare a tutti.
Lo fa con un video promozionale pubblicato il 26 aprile sui propri canali social (Facebook, Instagram, Twitter e YouTube) realizzato con la partecipazione dell’attore Toty Resta e con il prezioso contributo della voce fuori campo dell’attore Giovanni Carroni. Il video, con una metafora dell’Orologiaio, vuole ricordare, a tutti i sardi che “Custa est s’ora” di sentirsi sardi e di dimostrarlo con un semplice gesto: esporre la bandiera della Sardegna, forse il simbolo più amato e riconosciuto da tutti i sardi, fuori dalla propria finestra o balcone.

“Custa est s’ora”, è una citazione diretta dell’inno ufficiale della Sardegna, “Su patriota sardu a sos feudatarios”, noto anche come “Procurade ‘e moderare”, altro simbolo cardine del Popolo sardo. Per l’ANS vuole essere un’esortazione a festeggiare ma anche, come dicono gli altri estratti dell’inno, a svegliarsi e agire in prima persona, ma uniti come un vero Popolo, per risollevare le sorti della Sardegna, soprattutto in questo periodo particolare che la società sarda sta vivendo, tra pandemia e crisi economica, affidandosi soprattutto alle nuove generazioni di sardi.

In vista della celebrazione di domani, l’ANS già dal 23 ha diffuso nei propri canali social diversi contenuti divulgativi sulla storia di Sa Die de sa Sardigna, sulla Sarda Rivolutzione e sui simboli portanti del popolo sardo quali lingua, bandiera e inno.

IN SARDU

S’Assemblea Natzionale Sarda (ANS) in ocasione de Sa Die de sa Sardigna, mèrcuris 28 de abrile, at aviadu sa campagna social “Custa est s’ora”.

Dae su 1993, su 28 de abrile est sa “Die de su Pòpulu Sardu” e ANS bolet a nde fàghere una festa natzionale bertera, sa festa de su pòpulu sardu. Una festa pro rebaire s’orgòlliu de èssere Sardos e pro dd’ammustrare a totus. Ddu faghet cun unu vìdeu promotzionale publicadu oe, 26 de abrile in is canales social suos de Facebook, Instagram, Twitter e YouTube e acumpridu cun sa partetzipatzione de s’atore Toty Resta e cun su contributu pretziosu de sa boghe foras de campu de s’atore Giovanni Carroni. Su vìdeu, cun una metàfora de su Relorgiàrgiu, cheret ammentare a totu is sardos chi “Custa est s’ora” de s’intèndere sardos e de ddu dimustrare cun unu gestu simpre: parare sa bandera de sa Sardigna, fortzis su sìmbulu prus amadu e reconnotu dae totu is sardos, a foras de sa ventana o de su balcone.

“Custa est s’ora”, est una tzita direta de s’innu ufitziale de sa Sardigna, “Su patriotu sardu a sos feudatarios”, nòdidu fintzas comente “Procurade ‘e moderare”, àteru sìmbulu càrdine de su Pòpulu sardu. Bolet èssere un’esortatzione a tzelebrare ma fintzas, comente si narat in is àteros estratos de s’innu, a s’ischidare e agire in prima persone, ma unidos comente a unu Pòpulu beru, pro agiuventare is sortes de sa Sardigna, mescamente in custu perìodu particulare chi sa sotziedade sarda est bivende, intre pandemia e crisi econòmica, afidende·si prus che totu a is generatziones noas de sardos.

La Redazione

TAG:  Cultura
 

Al bar dello sport

0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti