agenzia-garau-centotrentuno

Sardara: “Temo il caldo del Taliercio”

Scopri il nostro canale su Telegramle-notizie-di-centotrentuno-su-telegram

Importante novità in casa Dinamo Sassari in attesa di conoscere l’avversaria nella serie Scudetto che partirà lunedì 10 giugno.

bianchi-immobiliare-centotrentuno

Il Banco di Sardegna ha rinnovato per altri tre anni la partnership con la società di Stefano Sardara: “Sono felice che questa sponsorship continui. Il Banco di Sardegna ci ha accompagnato per 29 anni e oggi abbiamo la certezza che saranno 32”, ha detto il patron biancoblu.

Abbiamo concordato insieme una cifra coerente con gli obiettivi e il modo di pensare della Dinamo– ha dichiarato il Direttore Generale del Banco di Sardegna Giuseppe Cuccurese. Se ci renderemo conto che gli obiettivi possono cambiare ci siederemo a un tavolo per discuterne. Abbiamo scelto una formula moderna di sponsorizzazione con un compenso fisso e uno variabile a seconda dei risultati della squadra. Il concetto di esperienza e integrazione ha favorito l’ingresso di numerosi sponsor, quasi un centinaio. La Dinamo non è la squadra di Sassari, ma di tutta la Sardegna”. Frase motivata anche dalle presenze al PalaSerradigmigni: secondo i dati rilasciati dalla Legabasket, Sassari è la seconda squadra dopo la Virtus Bologna come incasso medio (76096 € a gara) e quarta come numero di spettatori medi (4340 presenze). “Quando scendiamo in campo, lo facciamo in sei – conclude Cuccurese – il pubblico di Sassari fa la differenza”. 

Parola anche al coach della Dinamo, Gianmarco Pozzecco: “Da allenatore sono estremamente soddisfatto e contento che questa partnership continui, però sapete che ho sempre una visione mia. Dico due cose: situazioni come queste ci sono state nella pallacanestro, dove uno sponsor è diventato nel tempo quasi predominante sul titolo, Banco e Dinamo vengono viste come una cosa sola, così come era per la Scavolini Pesaro. Qui Stefano ha strutturato la società in modo diverso, ma questo binomio è fortemente vincente. Ed è motivo di orgoglio che ci sia un legame così duraturo. Inoltre le istituzioni sono rappresentate sempre da uomini. Ricordo ancora la prima volta che ero a Firenze e non conoscevo i personaggi, quando mi hanno presentato Beppe e la moglie. Ma un altro valore aggiunto è rappresentato dal loro appoggio, che va oltre alla mera sponsorizzazione. Viviamo una sorta di famiglia qui alla Dinamo e Beppe è un po’ il padre di tutti”.

Il presidente rilascia anche una dichiarazione in vista della serie che assegnerà lo Scudetto: “Chi arriva in finale è una squadra forte, mi preoccupa solo il caldo che ho visto a Venezia. Che vadano a gara 5 non può non farci piacere, visto che si stancheranno di più, ma chi ne uscirà vincitore avrà più stimoli e la stanchezza fisica non si sente poi”.