agenzia-garau-centotrentuno
esultanza-carbonia-afragolese-murru

Serie D, Carbonia: “Nessuna soluzione sullo stadio, lasciamo il club al sindaco”

Scopri il nostro canale su Telegramle-notizie-di-centotrentuno-su-telegram

Prosegue la querelle tra il Carbonia Calcio e l’Amministrazione Comunale della città sullo Stadio Zoboli: i biancoblù sono stati costretti a vagare per il Sulcis e Medio Campidano nella passata stagione per la questione dell’impianto cittadino, situazione che non ha influenzato l’ottimo risultato ottenuto nell’ultima Serie D.

bianchi-immobiliare-centotrentuno

A distanza di un anno le cose non sono migliorate, nonostante un riavvicinamento datato qualche settimana fa, e si è giunti a un nuovo strappo con la dirigenza che ha consegnato il club al Comune: ” Oggi 13 luglio 2021 il geometra Carlo Bizzarri, delegato della LND ha effettuato l’annunciato sopralluogo allo stadio Zoboli. Presente il vice sindaco e i dirigenti del Carbonia calcio- si legge nel comunicato del Carbonia Calcio che ricostruisce le ultime vicende-. Il professionista ha verificato che quanto promesso dall’amministrazione comunale un anno fa circa la predisposizione per il settore ospite era stato disatteso. Senza quello spazio è difficile ottenere una nuova deroga per giocare a Carbonia. Saremo costretti a girovagare per altri campi della Sardegna. Eppure in un anno le proposte all’ufficio tecnico sono state fatte. Tutte inascoltate. Bastava poco per rendere fruibile una parte della gradinata esistente, con una spesa di poche migliaia di euro. I soldi? Ci sono, perché li ha trovati il Carbonia calcio attraverso proprie interlocuzioni con la Regione Sardegna. 150 mila euro destinati alla riqualificazione dello Zoboli. Nessuna risposta è mai arrivata. E di non risposte è contraddistinta anche la vicenda legata alla polizza fideiussoria, a garanzia della nostra volontà di pagare il debito ereditato che è stata depositata a giugno 2021. A metà luglio siamo ancora senza campo, senza certezze che ci verrà consegnato. In questo clima di totale incertezza ci troviamo impossibilitati ad organizzare una nuova stagione sportiva che coinvolge 40 dipendenti. Anche perché la questione stadio è di primaria importanza, condizione richiesta anche dai nuovi investitori. E senza risposte ( il sindaco non risponde al telefono e alle PEC da novembre 2020 ) siamo costretti a cessare ogni tipo di impegno. Abbiamo garantito la serie D giocando e allenandoci lontani da Carbonia. Non possiamo farlo per un’altra stagione. Pertanto consegniamo la squadra al sindaco e alla sua giunta. Smetteremo così di avere persone ostili contro che sapranno sicuramente come fare il bene del Carbonia calcio”.

La Redazione

TAG:  Serie D
 

Al bar dello sport

1 Commento
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti
sandy-sardinia-spiagge-sardegna