agenzia-garau-centotrentuno

Supercoppa | Sarà la Virtus Bologna l’avversaria della Dinamo Sassari in finale

Scopri il nostro canale su Telegramle-notizie-di-centotrentuno-su-telegram
sardares
sardares

Sarà la Virtus Bologna l’avversaria della Dinamo Sassari nella finale della Supercoppa prevista per domani, 29 settembre, al PalaLeonessa di Brescia. La squadra di Scariolo ha superato per 64-72, dopo un overtime, l’Olimpia Milano.

La gara

Tanta, tanta difesa nei primi dieci minuti tra Olimpia Milano e Virtus Bologna. Ma anche diversi errori al tiro, segno di una condizione ancora da migliorare. La squadra di Messina sembra partire meglio, trova due triple con Hall nella parte finale del primo periodo che fissano il risultato sul 12-8 dopo il primo canestro ufficiale in maglia virtussina di Mickey. Milano parte forte anche nel secondo periodo, spinta nuovamente da un Davon Hall che firma sei punti dell’8-0 di parziale dopo cui Scariolo chiama minuto. Bologna trova i primi punti con Camara e Belinelli e accorcia fino al 20-13. Milano si scompone leggermente in difesa e perde ritmo in attacco, ma la Virtus si riavvicina soltanto fino al 26-22 di fine secondo quarto.

Alla ripresa è ancora Hall a fare la differenza, con cinque punti di fila che significano 17 personali e +9 Milano che prova a scappare. Bologna limita i danni con Mickey e il risultato si ferma per diversi minuti sul 32-26 in favore dei milanesi, prima che spinti da Ojeleye e Mannion i virtussini tornino a contatto fino a impattare sul 34 pari con un canestro di Cordinier. Il copione della partita continua e il punteggio non si sblocca, con il terzo periodo che finisce per 38-36 Milano.

Nell’ultimo periodo, l’Olimpia sembra scarica e dopo poco più di un minuto Messina chiama minuto. La Virtus sfrutta il buon momento di Cordinier e la presenza di Bako sotto le plance e tocca il +6 sul 43-49 a poco più di quattro dal termine della gara. Messina chiama il suo secondo timeout e l’Olimpia sembra reagire definitivamente. Melli e soprattutto Hines salgono di livello, anche se dall’altra parte Mickey resta un problema nonostante Milano provi a stringere le maglie. Bologna entra nell’ultimo minuto avanti di tre sul 51-54, prima che il tecnico preso da Messina per proteste contro gli arbitri porti i virtussini sul +4. La palla recuperata sulla rimessa e il canestro veloce di Hall consentono a Milano di riavvicinarsi prima del canestro convalidato a Mickey che vale il nuovo +4 sul 53-57. Hall sbaglia la tripla del -1, Belinelli fa 1/2 dalla lunetta e Baron dall’altra tiene accese le speranze milanesi. Milano fa fallo su Lundberg che fa ancora 1/2, sulla rimessa lo stesso giocatore commette però un fallo che gli arbitri vedono sul tiro nonostante avvenga a metà campo. Scariolo si infuria e prende tecnico, Baron è perfetto dalla lunetta fino al quarto libero a disposizione. La partita va così all’overtime. Milano sembra avere più energia ma è la Virtus a rimettere il naso avanti, con la schiacciata di Bako che vale il +6 a 2:16 dal termine. Messina chiama minuto ma al rientro Lundberg mette una tripla pesantissima che dà il +9 e chiude definitivamente la gara. Finisce 64-72, è la Virtus Bologna l’altra finalista della Supercoppa 2022.

Olimpia Milano: Davies 4, Thomas 3, Mitrou-Long 2, Tonut 2, Melli 6, Baron, Ricci 2, Biligha 1, Hall 19, Baldasso 3, Alviti, Hines 10. Allenatore: Messina

Virtus Bologna: Cordinier 12, Mannion 5, Belinelli 4, Pajola 2, Bako 10, Ruzzier, Lundberg 5, Menalo, Mickey 13, Camara 2, Weems 2, Ojeleye 17. Allenatore: Scariolo

dall’inviato Matteo Cardia

 

Al bar dello sport

0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti