agenzia-garau-centotrentuno

Tennis | A Cagliari Ingarao e Catini vincono il doppio agli italiani di seconda categoria

Scopri il nostro canale su Telegramle-notizie-di-centotrentuno-su-telegram
sardares
sardares

Alessandro Ingarao e Niccolò Catini sono i nuovi campioni d’Italia di tennis di seconda categoria nel doppio. Il primo scudetto del torneo è stato assegnato questo pomeriggio: la coppia siracusana-romana sì è imposta in due set (6-3, 6-4) nella finale giocata sul campo 14 del Tennis club Cagliari sui romani Tommaso Pace (tesserato però in Sardegna con il Tc Porto Torres) e Roberto Miceli.

Il titolo era nelle mani del duo formato da Pietro Rondoni e Gianluca Acquaroli, i vincitori della scorsa edizione giocata sempre in Sardegna. Una partita quasi a senso unico, salvo un disperato tentativo di rimonta finale di Pace e Miceli a suon di lob. Alla fine però arriva lo smash della vittoria di Ingarao. Compagni nel doppio, avversari nel singolare: domani Ingarao e Catini si contenderanno lo scudetto, questa volta divisi dalla rete, nella finalissima in programma alle 10 nel circolo di Monte Urpinu. Una rivincita per Catini. Nella scorsa edizione del torneo, aveva perso la finale del doppio senza scendere in campo: tutta colpa di un infortunio al polso. “Grazie al circolo, all’organizzazione, ai giudici- ha detto Ingarao dopo la premiazione- complimenti agli avversari e al mio compagno che ha consentito di raggiungere questo traguardo. Domani saremo avversari: sará tosta”. Compagni di doppio oggi, ma domani sará un’altra storia. Nomi dei due finalisti decisi questa mattina nelle semifinali al Centrale e al campo 14 del Tennis club di Cagliari. È stata quasi una sfida a distanza tra le due “superpotenze” del torneo. Ingarao aveva davanti a sè Marco Dessì, l’ultimo sardo rimasto in gara. Una sfida insidiosa soprattutto per il gioco, molto simile, dei due in campo, solidi e bravi negli attacchi da fondo campo. Il siciliano si è però confermato macchina da guerra: doppio sei-uno, partita senza storia. Ingarao si presenta alla finale con cifre impressionanti, il numero 932 al mondo, 22 anni, in quattro partite ha lasciato agli avversari appena cinque games. Catini, sul campo accanto, non ha faticato molto di più. Contro il vicino di circolo Roberto Miceli ha messo subito le cose in chiaro vincendo il primo set 6-2. Senza grossi problemi anche i games che hanno costruito la vittoria finale: 6-3 per il venticinquenne numero 995 al mondo. Catini l’anno scorso aveva solo annusato il tricolore: bel torneo, ma si era fermato alle semifinali. Ora ci riprova, ma anche Ingarao ha voglia di scudetto.

La Redazione  | Fonte Comunicato Stampa

 

Al bar dello sport

0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti