Il Podio Maschile dell'ITU World Cup di Arzachena

Triathlon World Cup, ad Arzachena vincono Luis e Duffy

Una race adrenalinica e di livello olimpionico a Cannigione per la tappa italiana della ITU World Cup, la quinta di seguito per la piazza sarda a pieno titolo riconosciuta dal triathlon mondiale come un campo di gara sfidante e altamente competitivo.

La sezione femminile di questa quinta edizione della Coppa del Mondo ha visto al primo posto Flora Duffy per le Bermuda, che chiude in 01:00’53” e precede la
britannica Beth Potter che chiude con un tempo di 01:02’04”. Completa il podio l’italiana Verena Steinhauser, terza con un tempo di 58’09”. La grande prestazione della squadra italiana si completa con altre quattro azzurre nelle prime venti posizioni. Angelica Olmo gravita in zona podio per tutta la gara, ma si deve accontentare di un comunque prestigioso quinto posto; ottimo anche il piazzamento di Beatrice Mallozzi, che con grinta chiude in 11a posizione, mentre Ilaria Zane e Luisa Iogna Prat tagliano il traguardo rispettivamente in 16a e 19a posizione. Bene anche Carlotta Missaglia che conclude la sua prima Coppa del Mondo in 29a posizione.

La sezione maschile vede sul podio il primo posto del campione del mondo in carica Vincent Luis che taglia il traguardo in 54’24”, seguito dal norvegese Kristian Blummenfelt con un tempo di 54’29”, mentre sul gradino più basso del podio troviamo il britannico Alistair Brownlee con un tempo di 54’45”. Nella performance degli azzurri al maschile è top 20 per Gianluca Pozzatti 18° al traguardo e Alessandro Fabian 19°.

“Sono felice ed emozionato per il podio di Verena Steinhauser e per i piazzamenti di prestigio delle azzurre nella World Cup di Arzachena, la gara di casa – dice Luigi Bianchi, presidente della Federazione Italiana Triathlon – Il lavoro paga sempre, nonostante tutto. La gara, disputata nel magnifico contesto di Cannigione, è stata elettrizzante con la Duffy protagonista annunciata, ma soprattutto per le ottime prestazioni delle azzurre Steinhauser e Olmo, sempre in lotta per il podio. Inoltre, piazzare cinque atlete nelle prime venti in una competizione dal tasso tecnico così alto è un grande risultato per la nostra nazionale. Gara maschile con un parterre incredibile, il podio parla da solo – aggiunge il presidente – campioni e medagliati olimpici, campioni del mondo, un livello altissimo. Pozzatti ha mostrato di essere in grande forma e Fabian, sempre grintoso, ha disputato una gara dignitosa: peccato che non siano riusciti ad agganciarsi ai migliori, ma i loro piazzamenti sono comunque importanti. Oggi abbiamo notato come volte la realtà riesca a superare le aspettative – conclude
Bianchi – questo evento è uno di quei casi. Una location incredibile e un meteo fantastico abbinati ad un’organizzazione impeccabile ci hanno consentito di mettere in piedi una World Cup di altissimo livello, in piena sicurezza e con ottimi requisiti tecnici malgrado lo sport internazionale stia attraversando un momento molto difficile. Questa gara può ancora crescere, può fare il salto di qualità e diventare addirittura una World Triathlon Series: sarebbe una grande opportunità per l’Italia, ma servono volontà e capacità.”

“È stata una giornata all’insegna dello sport mondiale e olimpionico. Una conferma della vocazione outdoor della destinazione Sardegna – ha dichiarato Sandro Salerno, General Manager del Comitato Organizzatore Locale – Una piazza ormai matura e consapevole dove tutti partecipano alla buona riuscita dell’evento. Anche in questa nuova location di Cannigione che ha ospitato la quinta edizione di fila in Sardegna. Un obiettivo sfidante quest’anno, ma generale e condiviso con il territorio che ci ha creduto e supportato aiutandoci a raggiungere un risultato del quale siamo felici che ci porta ad affermare senza timore d’essere smentiti che la kermesse del Triathlon è stata premiata dal grande successo riscosso. Chiudiamo questa edizione con la soddisfazione per aver fatto sold-out di adesioni da parte dei grandi campioni provenienti da tutto il mondo, dai quali abbiamo ricevuto feedback entusiastici perché amano competere in questi percorsi, al contempo suggestivi e altamente performanti.

Ufficio Stampa

TAG:  Altri Sport
 

AL BAR DELLO SPORT

guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti