Il varo dell'imbarcazione di Luna Rossa

Vela: il tour virtuale della “casa” cagliaritana di Luna Rossa

A Cagliari aprile e maggio 2020 dovevano essere il periodo dell’America’s Cup World Series. Ma il Covid-19 ha ammainato la vela anche di Luna Rossa e delle regate. Niente sfide internazionali nel Golfo degli Angeli ma lo staff dell’imbarcazione italiana ha comunque deciso di aprire, in maniera virtuale, le porte del suo quartier generale ai propri tifosi.

Tour virtuale Luna Rossa

A Cagliari in questi giorni per la prima volta si sarebbero visti in azione gli AC75, barche di altissimo livello tecnico e sportivo che incuriosivano appassionati della prima ora e neofiti della vela. Tutto rimandato. Niente curiosi davanti al molo, niente appassionati in barca alla ricerca di un allenamento al mattina del team di Luna Rossa e persino niente spie, che in città già avevano iniziato a circolare per reperire informazioni utili per gli altri team sfidanti. Per questo motivo la squadra ha deciso sul sito Internet dell’imbarcazione italiana di concedere un tour virtuale della “casa” cagliaritana di Luna Rossa. Si parte da una visione di insieme della struttura realizzata a ridosso dell’ex Terminal Crociere. Prima tappa, la zona hospitality. È il salotto della base: il posto in cui il team di Luna Rossa riceve gli ospiti. Quindi il passaggio nella attrezzata palestra: è lo spazio dove i componenti della squadra entrano due volte al giorno per tenersi in forma e prepararsi in vista delle sedute in acqua. La prima sessione è alle 7 del mattino e dura un’ora e mezza. Ripresa nel pomeriggio alle 17. C’è poi la dryer room, la stanza dove la squadra depositano gli elmetti e le caratteristiche tute grigie, la divisa del team, al termine degli allenamenti. Più avanti poi la “canteen”, il punto di ritrovo per i pasti al pian terreno che ospita di solito cento persone al giorno. Dieta da atleti con ingredienti a chilometro zero acquistati da produttori locali. Al primo piano c’è il design office: da lì partono idee e modifiche per lo sviluppo della barca grazia al lavoro di 40 progettisti. Infine si entra nel “cuore tecnico” della base con l’hangar che ospita la barca dell’America’s Cup, la star della casa cagliaritana della squadra, coccolata ogni giorno da ingegneri elettronici e idraulici che, insieme a chi sale a bordo, apportano ogni giorno quelle modifiche che magari potranno essere determinanti in Nuova Zelanda per provare a portare in Italia la Coppa America.

TAG:

Luna Rossa

avatar
500