Vendetta Brindisi, la Dinamo Sassari cede nel finale

Sfuma la quarta vittoria di fila per la Dinamo Sassari nel Girone D della Supercoppa Italiana. I sardi hanno ceduto di 1 punto all‘Happy Casa Brindisi nell’ennesima battaglia andata in scena tra due squadre ben allenate.

A prevalere questa volta è stato il quintetto di Frank Vitucci che si vendica della sconfitta arrivata tre giorni fa; poco male per la Dinamo Sassari che rimane avanti nella classifica del raggruppamento e servirà almeno una vittoria con Pesaro per assicurarsi l’accesso alle Final Four. Qualche rammarico per i ragazzi di Gianmarco Pozzecco (ancora rimaneggiati viste le assenze di Gentile, Tillman, Treier e Gandini) che hanno dilapidato un vantaggio di 15 punti nel terzo quarto.

La cronaca: Si rivede Tillman a referto, ma a scendere in campo sono i 5 titolari delle ultime uscite con Bilan,Bendzius, Burnell, Kruslin e Spissu. Inizio frizzante di gara dove è la squadra pugliese a partire forte con Harrison con i biancoblù a inseguire con l’ex Cantù Burnell tra i protagonisti:  l’inerzia cambia a metà del quarto, due triple firmate Bendzius e una da Spissu ribaltano il punteggio e Vitucci è obbligato a chiamare il timeout.  Le due squadre non alzano il piede dall’acceleratore, Brindisi riesce a rosicchiare qualche lunghezza nel finale ed è 25-28 alla prima sirena. Equilibrio e ritmo incalzante anche ad inizio secondo quarto, Gaspardo mette la tripla dall’angolo e segna il sorpasso brindisino sul 38-37, poi il controsorpasso di Kruslin allo scadere dei 24. La Dinamo ha una nuova fiammata ancora col croato e un ottimo Spissu, Brindisi non reagisce e la Dinamo riesce ad allungare fino al +11 sulla bomba di Pusica che chiude i primi 20′, arrivata poco prima di un momentaneo blackout del PalaAltoGusto di Olbia.

Al rientro dagli spogliatoi stessa grande intensità, ma le percentuali si abbassano per Sassari e l’Happy Casa mette su un parziale di 7-0 che induce al timeout Pozzecco: Brindisi rientra a -5, Spissu mette una pezza all’emorragia biancoblù e dà il via a un nuovo strappo aiutato da Bendzius; in chiusura di quarto la Dinamo non abbassa la guardia contro Brindisi (che deve rinunciare all’acciaccato Bell) e va al mini-intervallo sul +7. Pusica e Kruslin sopperiscono a uno Spissu costretto al riposo forzato in panchina per quattro falli, ma Brindisi trova in un rapace Krubally un uomo importante a rimbalzo offensivo e rimane agganciata alla gara; sale di tono anche capitan Devecchi con due palle recuperate fondamentali, ma Udom mette dall’angolo il -3 a 5′ dalla sirena finale. Le squadre si rispondono colpo su colpo come due pugili in un ring, con un Bilan fulcro del gioco e delle speranze della Dinamo: a 2′ splendida giocata del iovane Visconti, stepback a segno, fallo subito e libero supplementare della parità a quota 93. Il perfetto equilibrio si mantiene anche nei secondi finali, Bilan crolla su Krubally e lo manda in lunetta a 28″ dalla fine: il numero 5 pugliese fa 1/2 ed è vantaggio Brindisi. L’ultimo possesso sassarese non è giocato con fluidità, palla per Bilan che lontano dal pitturato non riesce a mettere il fade away del sorpasso. Vince Brindisi 96-95.

Matteo Porcu

TABELLINO | Happy Casa Brinidisi- Dinamo Banco di Sardegna Sassari 96-95 (25-28, 21-29, 24-20, 26-18)

Brindisi: Bell 11, Krubally 16, Harrison 21, Visconti 7,  Udom 3, Thompson 7, Willis 7, Gaspardo 9, Guido, Cattapan, Zanelli 7, Perkin 8s. Coach: Vitucci

Sassari: Bilan 18, Bendzius 16, Burnell 13, Kruslin 12, Spissu 22, Pusica 12, Devecchi 2, Re, Gentile, Treier, Martis, Tillman. Coach: Pozzecco

 

 

AL BAR DELLO SPORT

guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti