#11 | Gannedda is in the air

La consueta lettura dissacrante del match del Cagliari a cura della nostra Miss Wanda, supertifosa rossoblù.

Torino-Cagliari, giornata numero 32, 1-1.

Dal risultato sembrerebbe una partita senza lode né infamia, invece è stata una gara ricca di fisicità, da giocarsi quasi più su un ring che in un campo! Spintoni, contrasti, gomitate, nasi rotti…per la gioia di Irrati che ha tirato fuori più cartellini oggi che in tutta la sua carriera. Di tutti i colori, eh: più colori che al carnevale di Rio, cartellini che ci porteranno a dover fare a meno di Pellegrini e Barella domenica prossima.

In barba alla primavera che, generalmente, è culla del Love is in the air, oggi era decisamente più Gannedda is in the air. Peccato, però, che non si vedano mai dei bei Cross is in the air. Non so eh, se vogliamo aspettare il prossimo campionato…..in compenso però ci sono sempre più Dubbi is in the air, ovvero i cambi di mister Maran, per me più incomprensibili di un geroglifico egizio.

Per me rimarranno un mistero, insieme all’età di Klavan (che sembra mio zio) e alla fine che ha fatto Oliva. Però, dobbiamo ammettere che una qualità la abbiamo, in cui siamo imbattibili: sappiamo fare miracoli! Nonostante alla Pasqua manchi ancora qualche giorno, come resuscitiamo noi le persone, nessuno mai: all’anagrafe Simone Zaza, da Policoro e anche da Metaponto (grazie per l’info, cara Dazn). Tre goal in campionato, di cui uno oggi e ho detto tutto. Meno male, poi, che a tornare nella cripta ci pensa da solo.

Tutto sommato una partita da guardare, un bell’antagonismo, fatto però di abbracci dopo il fischio finale! Il calcio è questo.

Go Casteddu!

Miss Wanda

Sponsorizzati