Cagliari e il dubbio Pereiro: un talento che va aspettato?

Gastón Pereiro è una delle delusioni del Cagliari post Covid, prestazioni che non hanno risposto alle attese dopo il suo arrivo lo scorso gennaio dal PSV Eindhoven.

Due gare partendo dall’inizio, la prima a Verona e la seconda contro il Sassuolo, due sostituzioni all’intervallo a seguito di presenze impalpabili e prive di acuti: poca attitudine al sacrificio, difficoltà tattiche, Pereiro ha caracollato tra le linee senza mai dare l’impressione di essere dentro la partita né contro i gialloblù di Juric né contro gli uomini di De Zerbi.

Se da una parte è legittimo criticare le singole apparizioni, dall’altro non bisogna correre il rischio di buttare il bambino con tutta l’acqua sporca e bocciare in toto il fantasista uruguaiano che dal canto suo ha alcuni alibi non da poco.  Innanzitutto l’atterraggio in un nuovo pianeta calcistico completamente diverso da quello a cui era abituato, la Serie A non è l’Eredivisie e per restare in Italia anche un certo De Ligt ha faticato nei primi mesi dopo il passaggio dall’Ajax alla Juventus: ruoli diversi, certo, ma stesso campionato in cui sono cresciuti calcisticamente fatto di meno attenzioni tattiche, meno pressioni mediatiche, più libertà di sbagliare e maggiore pazienza con i giovani.

Non può non essere considerato inoltre l’infortunio muscolare patito proprio al suo esordio dal primo minuto al Bentegodi che, in un contesto di partite ravvicinate, ha privato Pereiro di gare importanti per continuare il processo di adattamento attraverso spezzoni in corso d’opera: poter essere inserito con calma è sicuramente un vantaggio rispetto all’essere buttato nella mischia fin dalle battute iniziali più per necessità che per volontà. Infine il lutto familiare che lo ha colpito proprio mentre il ritorno in campo dopo l’infortunio di Verona era vicino, perdere il proprio punto di riferimento affettivo mentre si attraversa una fase di ambientamento in un nuovo Paese è un aspetto che non può non incidere per un ragazzo conosciuto come particolarmente sensibile e che ha vissuto il momento a migliaia di chilometri da casa.

Pereiro ha mostrato lampi della sua classe quando chiamato in causa a partita in corso, contro la Roma il primo gol italiano e contro la Sampdoria giocate che hanno creato gli unici pericoli alla porta di Audero: non è un caso che in entrambe le occasioni la sua posizione in campo sia stata quella più vicina al suo ruolo ideale, trequartista libero di svariare con pochi compiti difensivi e la libertà di partire palla al piede dall’esterno per poi accentrarsi e scaricare il suo sinistro.

Utilizzato da seconda punta contro Verona e Sassuolo non è stato capace di garantire il raccordo tra i reparti e la profondità in ripartenza richiesta dai momenti delle partite, enfatizzando così i suoi limiti tattici e caratteriali senza che ne venissero esaltate le doti tecniche e la fantasia: certo, Pereiro ci ha messo anche del suo non scrollandosi di dosso una certa indolenza resa ancora più visibile dalla tipologia di corsa che lo caratterizza, ma in una fase di adattamento al calcio italiano forse sarebbe stato doveroso limitarne i compiti tattici per non metterlo in difficoltà. Per vedere il vero Tonga in rossoblù ci vorrà pazienza, non è né il primo né sarà l’ultimo straniero a richiedere tempo per ambientarsi in Serie A e bocciarlo dopo poche occasioni e in un contesto unico come quello del campionato post Covid sarebbe ingeneroso, a maggior ragione considerando gli alibi descritti in precedenza.

D’altronde, fatte le dovute proporzioni, anche un certo Enzo Francescoli non ebbe un impatto devastante al suo arrivo a Cagliari, così come sono tanti i casi più o meno recenti di stranieri che hanno avuto bisogno di più o meno tempo per mostrare le proprie qualità come ad esempio il Calhanoglu del Milan, passato in pochi mesi da bidone a punto fermo dei rossoneri.

Ripartire da quanto di buono mostrato seppur solo a sprazzi e metterlo nelle condizioni di incidere esaltandone le qualità dovrà essere uno dei compiti dell’allenatore che siederà sulla panchina del Cagliari la prossima stagione, Zenga o non Zenga: se poi sarà comunque un fallimento almeno non ci si guarderà indietro con la sensazione di aver perso un’occasione.

Matteo Zizola

AL BAR DELLO SPORT

guest
7 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti
Valeri Kostov
Valeri Kostov
22/07/2020 15:10

Chi sa perché ma ….il caso mi assomiglia a quello di Kiril Despodov !!! La differenza e che uno arriva dal PSV e campionato olandese e l’altro del CSKA e campionato bulgaro !!! Tutti due attaccanti,tutti due partendo bene ma poi capitano infortuni!!! A tutti due bisogna lasciarli tempo di ambientarsi e farsi vedere- speriamo che e così

cazaputas42
cazaputas42
21/07/2020 22:01

é forte,, deve solo giocare nel suo ruolo e ambientarsi.. il prossimo anno si fará valere.

Sant'Efisio
Sant'Efisio
21/07/2020 17:41

Non giudico il giocatore incolpevole.
Piuttosto la societa Fluorsid.
Ma io dico chi lo ha scelto questo acquisto? Per quale idea calcistica? E di quale allenatore poi?
Un tempo il mercato di gennaio aveva lo scopo di riparare.
Questa dirigenza vende solo fumo.

Sant'Efisio
Sant'Efisio
21/07/2020 16:54

Il problema è la mancanza di programmazione seria e competente.
Si improvvisa il mercato per giunta quello di gennaio e questo è il risultato. Pereiro è stato scelto da chi? E per quale scopo?
Per quale idea calcistica? E di quale allenatore?

Che dirigenza farlocca!

Marco
Marco
21/07/2020 15:11

giocare fuori ruolo è difficile per tutti.

Paolo
Paolo
21/07/2020 14:40

Non basta la classe per essere all’altezza della serie A italiana, soprattutto se giochi per una squadra che si deve salvare. Pertanto, lasciamolo andare. Al Cagliari non serve.

Giacomo Mancuso
Giacomo Mancuso
21/07/2020 14:38

Sono assolutamente d’accordo!