Radja Nainggolan del Cagliari Calcio contro la Samp

Cagliari, ma conviene inseguire anche a gennaio Nainggolan?

“Nainggolan sarà un obiettivo anche a gennaio? Inutile nasconderci, è un giocatore che a noi piace, eravamo convinti di chiudere l’affare già in quest’ultima sessione di mercato. Se ci saranno le condizioni ci riproveremo anche a gennaio“. La firma è quella del nuovo direttore sportivo rossoblù Pierluigi Carta. Il tema, ormai noto, è il ritorno, per la terza volta, di Radja Nainggolan al Cagliari.

I rossoblù non mollano la presa. La volontà di avere il Ninja fino a fine carriera sembra evidente. Anche perché lo stesso allenatore, Eusebio Di Francesco, si è esposto tanto in queste prime settimane di campionato, indicando a più riprese il nome di Nainggolan come quello ideale per l’alchimia del suo nuovo gruppo. Nainggolan però, come hanno dimostrato gli ultimi giorni folli di calciomercato a Milano, non è un affare semplice. Per diversi motivi, su tutti la lontananza tra domanda e offerta tra Cagliari e Inter. I nerazzurri non lo regalano, lo hanno fatto capire a più riprese, ma i rossoblù non possono fare “follie”, per usare i termini di Pierluigi Carta, perché l’obiettivo primario è quello di avere dei bilanci in regola e poter stare con continuità in Serie A.

Vista la fine del mercato, una volontà rossoblù non placata dal no appena ricevuto, e la strana situazione di Nainggolan a Milano, dove ora è stato trovato positivo al Covid-19 e dove fino a poco tempo fa non aveva nemmeno aggiornato il proprio Instagram come giocatore dell’Inter, viene da chiedersi se al Cagliari convenga ancora inseguire Radja Nainggolan a gennaio.

Perché sì (l’opinione di Francesco Aresu)
Nainggolan ha dimostrato di essere fondamentale per il gruppo rossoblù nell’ultima stagione. C’è stato un Cagliari con Nainggolan e un Cagliari senza Nainggolan. La vittoria netta sul Torino al suo rientro dopo il secondo infortunio al polpaccio, durante la ripresa della Serie A dopo il lockdown, è la gara simbolo dell’importanza del Ninja per questa squadra. Lì il Cagliari di Zenga ha fatto i punti per vivere un finale tranquillo e senza patemi e ha giocato una delle migliori partite della stagione, guidata dal belga che ha anche segnato. Ovviamente con un tiro da fuori area. Non solo tasso tecnico di altro livello e spinta per la crescita dei compagni, Nainggolan è funzionale per fare passare il progetto tattico di Di Francesco. Il mister ha detto più volte di cercare un allenatore in campo. L’uomo di esperienza che conosca ogni insidia della gara ma anche ogni sfumatura dei propri compagni. Nainggolan ha ricoperto questo ruolo già con Maran e Zenga, più volte è finito a colloquio con i due allenatori la scorsa stagione per decidere cosa cambiare nei momenti di difficoltà o suggerire qualche sostituzione.

Perché no (l’opinione di Roberto Pinna)
“Bisogna ragionare con razionalità e non da tifosi”. Il messaggio di Carta è chiaro. Nainggolan per Cagliari sarebbe un grande colpo ma solo a determinate condizioni. Il club ha già fatto uno strappo alla regola per Godin e viene difficile pensare a un ulteriore sacrificio per Radja. Considerando che la società arriva da due bilanci in rosso. Inoltre l’affare Nainggolan, pur se di sicuro guadagno in campo, è un’operazione a perdere sul mercato. Perché il Cagliari spendendo le cifre chieste dall’Inter (10-12 milioni), sicuramente metterebbe a bilancio una minusvalenza. C’è poi l’aspetto mediatico legato alla trattativa. Prendere Nainggolan un’estate fa ha esaltato la piazza. Ma il suo mancato arrivo ha scatenato in questo ottobre tantissime critiche, alcune anche gratuite, al club di via Mameli da parte dei tifosi. La piazza probabilmente vivrebbe male un secondo no a gennaio, specie se le modalità fossero le stesse di questa strana estate: un lungo tira e molla, tante notizie, troppe voci ma due parti che restano distanti a livello economico.

Roberto Pinna – Francesco Aresu

 

AL BAR DELLO SPORT

guest
14 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti
stef
stef
09/10/2020 18:59

Hanno ragione tutti e due ovviamente, la quadra è nelle condizioni. IL Ninja deve rinunciare aq qualcosa nell’ingaggio, e l’Inter deve decidere se c’è trattativa, altrimenti è giusto che se lo tenga. Tanto a fine anno viene a parametro zero o poco più. E come qualcuno qui ha già scritto saggiamente.. non è questo l’anno in cui qualcuno può portarci in Europa.. meglio rinviare tutto al prossimo..

fiorenzo
fiorenzo
09/10/2020 18:02

Nel mezzo la virtù. E’ evidente che sia un acquisto importantissimo per il Cagliari, altrettanto vero che non ci si debba svenare disastrando il bilancio. Il dato vantaggioso è che a febbraio dovrebbe costare di meno, perché almeno un quarto del contratto di due anni si è consumato, e allo stesso tempo il Cagliari avrà risparmiato circa mezzo anno di ingaggio, che non è poco. Considerando il Covid, forse è andata pure bene.

Gianti
Gianti
09/10/2020 16:46

Il tema è: ma ci sarà ancora Di Francesco a gennaio?

Maran
Maran
09/10/2020 14:26

Sono contrario. Lasciamolo dov’è.

Ivano Spiga
Ivano Spiga
09/10/2020 14:15

Non so voi, ma seu arroscendi questa situazione. O si lascia perdere o si prende de pressi puru, perchè non capita tutti gli anni una cosa del genere. Se non bastano i soldi facciamo una colletta noi tifosi, sparsi per il mondo siamo milioni.

Last edited 19 giorni fa by Ivano Spiga
Maran
Maran
In risposta a  Ivano Spiga
09/10/2020 14:24

Colletta? A maccu! 😁

Ivano Spiga
Ivano Spiga
In risposta a  Maran
09/10/2020 19:05

Non credo sia fattibile nel calcio, ma già se moltiplichi 10 euro a testa per un milione di persone fa 10 milioni…e di tifosi è pieno in Italia e ovunque. Ci sono pure gruppi musicali che si finanziano la produzione degli album col supporto dei fan, si chiama crowdfunding.

Maran
Maran
In risposta a  Ivano Spiga
09/10/2020 20:58

So cos’è il crowdfunding, ma non mi risulta sia mai stato realizzato nel calcio. Inoltre, un conto sono i numeri teorici dei tifosi, altra cosa è quanti di essi siano disposti a tirare fuori anche solo un centesimo per un problema che non li investe direttamente. Il tifoso è abituato a rischiare col c..o degli altri, perché è sempre la dirigenza che deve spendere, secondo loro. E forse è anche giusto così…

ivano spiga
ivano spiga
In risposta a  Maran
12/10/2020 12:27

Ti faccio un esempio…io devo iscrivermi ad un Cagliari Club in Abruzzo, sono 20 euro annuali. Io penso che se ci sta gente disposta ad iscriversi a club di tifoseria, li troveresti anche per altre iniziative.

Atlantis
Atlantis
09/10/2020 14:13

L’andamento della squadra da qui a gennaio ci dirà se sarà necessario dare di nuovo l’assalto a Nainggolan. Personalmente, credo proprio di sì. Ora, però, bisogna interrompere le comunicazioni sul tema e procedere nel più rigoroso ed assoluto silenzio

Flanker
Flanker
In risposta a  Atlantis
09/10/2020 19:49

Meglio cominciare a pensare di assaltare anche terzini di fascia

Paolo
Paolo
09/10/2020 13:20

Sono favorevole. Potrebbe non bastare costruire un buon corpo senza un adeguato cervello, non solo per geometrie e soluzioni individuali, ma anche per autostima di gruppo. Il ritorno economico sarebbe indiretto ma significativo: una stagione brillante favorirebbe la crescita di valore di diversi giocatori della rosa. Se poi la differenza tra le parti era di circa tre o quattro milioni di euro, fate i conti di tre mesi di stipendio lordo nel frattempo risparmiato oltre ad un eventuale sconto….

Andrea
Andrea
09/10/2020 12:48

sicuramente non conviene parlarne continuamente 😉

Ivano Spiga
Ivano Spiga
In risposta a  Andrea
09/10/2020 14:17

Tenis arrexioni….