agenzia-garau-centotrentuno
walukiewicz-cagliari-inter-perrone-centotrentuno

Cagliari, non basta il carattere ora servono punti

Scopri il nostro canale su Telegramle-notizie-di-centotrentuno-su-telegram

Tre vittorie in undici giornate come i punti, undici, che vedono il Cagliari in undicesima posizione. Un numero magico per i tifosi rossoblù, ma che per Di Francesco significa ben altro.

bianchi-immobiliare-centotrentuno

Tre punti – Juventus, Spezia, Verona, Inter. Quattro partite, due pareggi e due sconfitte, otto gol subiti e sei fatti. Da più di un mese, vittoria contro la Sampdoria, il Cagliari non raccoglie bottino pieno. Passi indietro come quello contro la Juventus e il primo tempo di fronte allo Spezia, aspetti positivi nel secondo tempo contro i liguri e nella trasferta di Verona, sentimenti contrapposti dopo la sconfitta contro l’Inter. Inesorabile però la media punti dell’ultimo mese, mezzo a partita, un campanello d’allarme che dopo le belle parole intrise di positività del direttore sportivo Carta a Videolina si deve prendere sul serio.

Doppia occasione – Il calcio si sa dà sempre l’opportunità dell’immediato riscatto. Per Di Francesco è arrivato il momento di spingere sull’acceleratore. Una doppia sfida sulla carta da quattro punti come obiettivo minimo, ma con la consapevolezza che non sarà facile visto il momento di forma di un Parma che appare ritrovato e l’Udinese che a Torino ha colto la terza vittoria di fila. Il cantiere aperto, l’equilibrio, la filosofia, tutti mantra del club e dell’allenatore che dopo undici gare devono iniziare a dare i loro frutti. L’occasione chiama concretezza, la prestazione sì ma i punti non possono mancare.

Tic Toc – Tempo, comunque vadano le cose lui passa cantava Jovanotti. E va così per Di Francesco e il suo Cagliari, sicuramente in crescita ma che devono affrontare un nemico ulteriore. Il tempo che va avanti, la Serie A che non aspetta, un progetto da proseguire con il sorriso e non con patemi che ne potrebbero rallentare l’evoluzione. Per una squadra giovane e dai pochi leader caratteriali rimanere invischiata nella lotta salvezza o entrare in un vortice pericoloso sarebbe davvero rischioso. La cabala potrebbe essere dalla parte del Cagliari sia per affinità che per contrasto. L’anno passato il filotto maraniano iniziò proprio a Parma e dopo una sconfitta casalinga contro l’Inter, il 16 dicembre di un anno fa si giocava la sfida contro la Lazio vista come chiave di volta negativa della stagione dell’illusione europea. Di Francesco però dovrà trovare punti al di là delle coincidenze, al contrario diventerà difficile lavorare in tranquillità.

Matteo Zizola

 
0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti