agenzia-garau-centotrentuno
robinson-canu-dinamo

Dinamo Sassari, le Pagelle | Robinson è imprendibile, bene Diop

Scopri il nostro canale su Telegramle-notizie-di-centotrentuno-su-telegram
carboni-sassari

Seconda vittoria consecutiva per la Dinamo Sassari che torna a vincere al PalaSerradimigni battendo l’Aquila Trento per 88 a 80. I nostri giudizi sulla squadra:

Robinson: 7,5. Il suo inizio di gara è più da play che da realizzatore. Lo statunitense dà fluidità all’attacco e quando è necessario decide di prendersi le responsabilità in attacco. Fatica su Forray nel momento migliore dell’Aquila ma poi l’ultimo quarto è suo: 12 punti negli ultimi sei minuti, determinanti per la settima vittoria della Dinamo in campionato.

Kruslin: 6,5. Il croato porta tanta energia in difesa ed è meno istintivo in attacco anche se non riesce a mettersi in ritmo dall’arco. Pesa però la sua tripla messa nel quarto periodo che ridà inerzia alla Dinamo.

Burnell: 5,5.  Prova subito a far capire di essere diverso rispetto a Bologna e il primo canestro della gara sassarese è frutto del suo lavoro spalle a canestro. Nel primo tempo però è poco impiegato, nel terzo periodo mette una tripla per cercare di sbloccarsi definitivamente ma nell’ultimo periodo resta seduto in panchina. Dopo l’exploit con Varese sembra aver perso energia.

Bendzius: 7. Dopo un pallone perso in post, il lituano si accende e mette 11 punti nei suoi primi otto minuti in campo. La mano rimane calda fino al terzo quarto: alla lunga l’Airone perde precisione ma rimane con la testa sul campo ed è determinante con il lavoro che non lascia segno sulle statistiche.

Diop: 7. Parte in quintetto base per arginare al meglio Williams sin dalla linea dei 6,75. L’italo-senegalese compensa con l’energia difensiva i limiti tecnici mostrati in attacco nel primo tempo, poi cresce anche nella metà campo avversaria e a rimbalzo durante l’ultimo periodo.

Devecchi: 6,5.  Interpreta il ruolo del sesto uomo a inizio gara, mettendo la propria firma in difesa e sul terzo fallo di Reynolds nel secondo periodo che complica la partita per la guardia trentina.

Mekowulu: 6,5. Entra e si fa mettere una bomba in faccia da Williams ma è lo schiaffo necessario per provare a mettersi in partita. Baioni decide di tenerlo poco in campo quando Molin lascia sul parquet il centro americano. Il nigeriano è comunque diverso per atteggiamento e la schiacciata nel quarto periodo di potenza lo dimostra.

Logan: 6,5. Nella partita che lo consegna alla storia della Dinamo con il superamento dei 1500 punti in biancoblù, il Professore fatica a mettersi in ritmo dall’arco e decide di entrare in partita attaccando il ferro. Nel terzo quarto tiene a galla la Dinamo con un paio di triple nel momento in cui Trento sembrava voler prendere il controllo.

Treier: 6. Baioni lo butta in campo nel primo periodo e l’estone lavora silenziosamente su ambo i lati del parquet.

Gentile: 6,5. Non una partita al suo livello fino all’ultimo quarto, quando alcune giocate di talento e testardaggine mettono il sigillo sulla partita: tra tutte, il gioco da tre punti a poco più di due minuti dalla fine.

Gandini: sv.

Chessa: sv.

Baioni: 7. Mezzo voto in più per la prima partita da primo allenatore a causa dell’assenza di Bucchi. Fa ruotare tutti e dieci i giocatori che fanno parte delle rotazioni: vincente la scelta di Diop in quintetto e l’alternanza a seconda dell’avversario con Mekowulu. La Dinamo va ancora a folate ma alcuni tratti della partita, sia a livello difensivo che offensivo, fanno restare ottimisti per il futuro. Da capire solo come rimettere al centro del gruppo anche Burnell, apparso in difficoltà nelle ultime due uscite.

Matteo Cardia

 

Al bar dello sport

0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti