agenzia-garau-centotrentuno

La Moviola | Piccinini attento e deciso in Napoli-Cagliari

Scopri il nostro canale su Telegramle-notizie-di-centotrentuno-su-telegram

La sfida tra Napoli e Cagliari non ha regalato grandi spunti di riflessione per quel che riguarda la direzione arbitrale. Gara condotta senza troppi problemi da Marco Piccinini della sezione di Forlì che, nei pochi episodi di rilievo, è apparso attento e deciso.

Primo tempo

Il primo episodio avviene al 31′ minuto. Proteste del Cagliari per un mancato giallo a Insigne che, in prossimità del lato corto dell’area rossoblù, interviene con la gamba alta su un rilancio da parte di Zappa. In un primo momento l’entrata del capitano partenopeo sembra meritevole del cartellino, ma dopo il replay si nota come Insigne non abbia la gamba tesa e provi a evitare il contatto con il giocatore rossoblù. Giusta la decisione di fischiare la punizione, ma senza il giallo per Insigne. Discorso simile al 40′ minuto quando Nahitan Nández interviene su Mario Rui. Il numero 18 del Cagliari è in pressing, viene superato dal terzino portoghese per poi agganciarlo con un’entrata in ritardo. Nessuna cattiveria e intervento che fa il paio con quello di Insigne precedente, bravo Piccinini a mantenere il metro di giudizio invariato.

Secondo tempo

L’episodio che chiude il match avviene al 56′ minuto. Osimhen riesce a superare Godín – dopo un corpo a corpo con un uso reciproco delle mani – per poi entrare in area. Arrivato in prossimità della linea di fondo sul lato sinistro dell’area difensiva del Cagliari, il nigeriano sterza. Godín in scivolata lo colpisce sul piede destro e Piccinini assegna giustamente il rigore. Nessun giallo per il difensore rossoblù, Osimhen non è in posizione centrale e il Faraone contende in maniera genuina il pallone. Giusta le decisione dell’arbitro anche a livello disciplinare.

Al 59′ minuto Piccinini estrae il primo giallo della gara ai danni di Walukiewicz. Sanzione corretta quella ai danni del polacco che interviene in ritardo in scivolata sul connazionale Zielinski colpendolo sul piede sinistro dopo essere stato anticipato dall’avversario. Al 62′ qualche dubbio su un intervento ruvido di Godín su Osimhen al limite dell’area. Un pallone alto sul quale il difensore rossoblù salta più in alto dell’avversario, qualche rischio per il braccio alto e per la durezza del contrasto aereo. Giusta comunque la decisione di Piccinini di lasciar correre così come giusta al 66′ quella di non punire con il rigore la leggera trattenuta di Walukiewicz sempre su Osimhen. L’arbitro in questo caso ammonisce per simulazione il centravanti del Napoli, sanzione forse eccessiva perché il difensore rossoblù effettivamente trattiene l’avversario. Nessun rigore, ma forse sarebbe stato più corretto lasciar correre senza il giallo per l’attaccante nigeriano.

Il terzo e ultimo cartellino della giornata è per Elmas che interviene in ritardo su Marin atterrandolo sulla zona della trequarti difensiva del Napoli. Giallo che arriva sia per la situazione di gioco, il numero 8 rossoblù era in una buona posizione per creare un pericolo, sia per l’intervento abbastanza ruvido e plateale. Sanzione automatica e bravo Piccinini a non farsi influenzare dal risultato e da una gara che ormai sembrava definitivamente chiusa.

Matteo Zizola

 

Al bar dello sport

0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti