Alessio Cragno, portiere del Cagliari

LE PAGELLE | Cragno evita il peggio, Walukiewicz soffre

I nostri giudizi sul Cagliari sconfitto a Bergamo dall’Atalanta per 4-2.

Cragno 7: Forse potrebbe fare di più sui gol di Gomez e Zapata, ma la pioggia di occasioni che arrivano dalle sue parti non ne aiutano la causa. Se però il Cagliari rimane in partita fino al gol di Lammers il merito è suo, due volte su Zapata, poi su Romero, ma soprattutto su Muriel dimostra di essere un campione. Su Malinovski la ciliegina.

Zappa 5,5: ci mette personalità e per mezz’ora riesce anche a bloccare Gosens, poi poco aiutato dai compagni va in barca anche lui. Nella ripresa spinge con costanza creando anche apprensione al diretto avversario. Esordio del 1′ comunque non malissimo. (dall’85’ Faragò SV: il tempo di due discese ed è fischio finale)

Walukiewicz 4: Zapata lo sovrasta fisicamente e lui lo soffre. Passo indietro deciso rispetto alla crescita dimostrata nelle prime due uscite, non va meglio con Lammers in campo.

Godín 5,5: il gol di testa, specialità della casa, compensa le difficoltà a tenere botta in difesa. Un esempio la rete in cui Zapata lo scherza senza troppi complimenti. (dall’85’ Klavan SV: pochi minuti utili a far rifiatare Godín)

Lykogiannis 6: Hateboer è in grande forma, ma lui riesce a contenerlo. È sfortunato quando tiene in gioco Muriel sul gol del vantaggio bergamasco, rimedia con l’ottimo assist per il gol di Joao Pedro.

Nández 5: corre e tanto, ma spostato lì a sinistra sembra abbastanza fuori posizione. Alla fine sono tanti chilometri, ma anche tanta confusione. Gioca in tutte le zone del centrocampo, parte a sinistra, passa al centro, chiude a destra. Non manca di certo la volontà, ma non è abbastanza.

Marin 4,5: parte molto meglio rispetto alla prime due partite fino a trovare la testa di Godín con un corner perfetto. Crolla come tutta la squadra dopo la mezz’ora non riuscendo a fare filtro tra le linee dove Gomez e Pasalic fanno il bello e il cattivo tempo per non riprendersi più fino al cambio. (dal 65′ Tramoni 6: esordio in Serie A per il corso che lascia una buona impressione. Un tiro a giro di poco fuori e soprattutto la diagonale a salvare su Hateboer)

Rog 5: male come mai era stato visto in maglia rossoblù. Impreciso, lento, spesso fuori posizione, lascia un vuoto costante in mezzo al campo dove gli avversari si inseriscono costantemente. Cresce solo quando l’Atalanta toglie il piede dall’acceleratore e quando esce Gomez.

Sottil 5,5: parte molto bene come esterno di destra in aiuto a Zappa. È anche il più pericoloso pur non andando al tiro. Crolla anche lui dopo la mezz’ora, con in più la colpa di uscire mentalmente dalla partita. Nella ripresa si riprende bene risultando l’unico in grado di cambiare davvero passo. (dal 78′ Caligara SV: altri minuti a tabellino)

Simeone 4,5: non la vede quasi mai e quando la vede fallisce l’occasione o il primo controllo. Come i ragazzi volenterosi a scuola si impegna tanto ma non riesce a rendere.

Joao Pedro 6: quando non viene servito cerca di tornare basso a prendere il pallone. Alcuni sprazzi come una verticale per Sottil e poi la conferma che se sta dentro l’area diventa pericoloso. Il gol da centravanti vero ne è la dimostrazione. (dall’85’ Pavoletti SV: un tentativo di testa difficile e subito la doccia)

Di Francesco 5,5: la squadra parte molto bene, il gol del pareggio di Godín il giusto premio. Il 4-4-2 in fase di non possesso blocca gli esterni avversari e la gara sembra preparata benissimo. C’è però un abisso fisico e atletico che dalla mezz’ora entra prepotentemente in gioco e da lì in poi è crollo verticale fino all’intervallo. Nonostante il punteggio, però, si sono visti sprazzi di miglioramenti evidenti. Ha bisogno di almeno tre acquisti, ma la strada sembra quella giusta e non sempre avrà di fronte questa Atalanta.

Matteo Zizola

 

AL BAR DELLO SPORT

guest
21 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti
Marcello
Marcello
04/10/2020 20:36

X me questo Cagliari uscirà alla distanza e faranno un bel campionato. Bisogna sostenere non distruggere

Geronimo
Geronimo
04/10/2020 19:16

Scontro fra una compagine costruita attraverso progettazione costante che raccoglie i frutti di un lavoro straordinario, l’altra il Cagliari è un cantiere aperto. Tante le pecche a livello tecnico e tattico ma oggi si è intravista una reazione a livello psicologico. Pazientiamo, il campionato inizierà dal match contro il Torino, in quel frangente voccorrebuna prova convincente

Mario
Mario
04/10/2020 18:51

Di Francesco 5.5? Ma un povero cristo fa di tutto per meritarsi un 2 e tu gli dai quasi la sufficienza? Quanti gol deve prendere la sua squadra per meritare un voto basso: forse 10 non basterebbero a tuo modo di vedere.

Tano
Tano
04/10/2020 17:21

Penso sia ora che questa pessima squadra è società spariscano dal calcio.. Anni di umiliazioni hanno minato inesorabilmente la mia pazienza.. Bastaaaaaa. Ritirate questo schifo di società pezzente….

Geronimo
Geronimo
In risposta a  Tano
04/10/2020 19:18

Sul attuale proprietà concordo con te…vendono fumo e comprano cenere…

Franco
Franco
In risposta a  Tano
04/10/2020 20:09

Perché non ti ritiri tu?fai un favore a tutti

Giovanni
Giovanni
In risposta a  Tano
04/10/2020 21:34

Ma vai aff.

Ivano Spiga
Ivano Spiga
In risposta a  Tano
04/10/2020 21:38

Dovrebbero sparire i tifosi come te.

Maran
Maran
04/10/2020 16:33

“Cragno evita il peggio”?!?!? Ahahahahahahahahahahahahah”
Ma perché 5-2 non è sufficientemente “peggio”???
Po’ caridade! Cragno ha semplicemente salvato un po’ la faccia ad una squadra inesistente, messa malissimo in campo. Ci sarà da piangere, altro che Europa!!!

Steve
Steve
In risposta a  Maran
04/10/2020 17:11

Quest’anno nessuno ha mai parlato o fatto proclami di Europa, se non qualche intervista di ex calciatori.. essendo un progetto il primo anno è di assestamento ( 10a-12a posizione) poi il prossimo anno puntare più in alto.. sempre se il progetto va a buon fine

Maran
Maran
In risposta a  Steve
04/10/2020 17:44

Ma quale progetto? Lo capisci che i progetti si fanno con idee e soprattutto soldi? Qui non ci sono né le une, né gli altri e la società è di un dilettantismo imbarazzante, a cominciare dal presidente. Mi piacerebbe essere smentito e non sai quanto, ma ormai non m’illudo più.

Ivano Spiga
Ivano Spiga
In risposta a  Maran
04/10/2020 21:40

Cambia squadra e non tediarci.

Mario
Mario
In risposta a  Steve
05/10/2020 18:43

E tu paghi 1,8 milioni un allenatore e 2.5 godin per un campionsto di assestamento. Ma quando la finirete di leccare

Flanker
Flanker
In risposta a  Maran
04/10/2020 19:29

Noi tifosi non dobbiamo essere nè disfattisti nè illuderci ma molto realisti, questo campionato non sarà un passeggiata. Per avere ambizioni, bisogna avere soldi, programmare bene, avere pazienza e forse anche fortuna

Mao
Mao
04/10/2020 16:28

Ottimo secondo tempo
Non troveremo contro sempre l’atalanta, per fortuna

Maran
Maran
In risposta a  Mao
04/10/2020 16:37

No, troveremo la Juve, l’Inter, il Milan, il Napoli, la Fiorentina, la Roma e a quanto pare anche il Benevento, il Verona, persino Genoa e Sampdoria si stanno leccando i baffi con questi pellegrini! Abbi fiducia!

Mario
Mario
In risposta a  Maran
04/10/2020 22:49

Goppi, posso concederti le prime 4, ma le altre non è anche siano ad anni luce da questo cagliari eh, un po’ realismo e meno disfattismo post sconfitta

Mario
Mario
In risposta a  Mao
04/10/2020 18:53

Ma fammi il favore….

Atlantis
Atlantis
04/10/2020 15:38

Malissimo Marin, preoccupa l’involuzione di Rog, irriconoscibile. Si è visto però un Cagliari coraggioso e a sprazzi propositivo contro un’Atalanta ingiocabile, che alla fine della stagione sarà campione d’Italia

Aaanton
Aaanton
04/10/2020 15:12

Cragno evita il peggio….è tutto dire. Marin va bene solo per i corner, in mezzo timidissimo. Rog di adesso sembra il peggior Ionita. Cantiere aperto certo, ma ogni tre per due pestiamo la classica tavoletta coi chiodi.

Magicbox
Magicbox
04/10/2020 14:49

Migliori likoggiannis e joao??? Allora ho visto un altra partita….