agenzia-garau-centotrentuno
Joao Pedro contro lo Spezia | Foto Alessandro Sanna

LE PAGELLE | Disastro Cagliari, Joao Pedro unico a crederci

Scopri il nostro canale su Telegramle-notizie-di-centotrentuno-su-telegram

I nostri giudizi sulla partita persa dal Cagliari contro il Benevento.

bianchi-immobiliare-centotrentuno

Cragno 6: evita lo svantaggio con il doppio intervento su Sau e Lapadula e conseguente aiuto del VAR, poi può poco sui due gol avversari. Salva anche il possibile 1 a 3 in uscita su Caprari. Unico appunto, dovrebbe stare più alto quando la difesa sale.
Zappa 3: si dice che conta poco il saper difendere quando si è decisivi in fase di spinta come accade con Hakimi e Hernandez. Nel suo caso è davvero deficitario dietro e in appoggio senza dare alcun apporto in attacco. Male.
Walukiewicz 2: se il suo sogno è giocare nei top club europei è bene che prima si svegli. Si fa uccellare sistematicamente dai palloni verticali e conseguenti tagli di Sau e Insigne, è colpevole su entrambi i gol e in tutte le occasioni del Benevento ci mette lo zampino. Tornare sulla terra è doveroso.
Ceppitelli 3,5: definito fondamentale dal patron, al momento lo è principalmente nel rallentare la fase di costruzione. Dà sempre la sensazione di poter crollare da un momento all’altro anche difensivamente. Esce per l’ennesimo infortunio muscolare. (dal 77′ Pisacane SV: mette le valigie da parte e con il classico spirito di servizio entra a dare la sua mano. Il suo ingresso è sintomatico della confusione a tutti i livelli, società, allenatore, squadra)

Tripaldelli 4: ogni tanto spinge, ma senza incidere al cross. Mezzo punto in meno per la facilità con cui lascia crossare gli avversari in occasione dell’1 a 2.
 (dal 68′ Simeone 4: se non ci fosse il tabellino nessuno saprebbe del suo ingresso in campo. Unico pallone toccato il tiro telefonato del 96′)

Nández 3: uno dei pochissimi a mettere grinta e gamba, anche se alla fine viene trascinato anche lui dal tracollo collettivo fino alla follia finale con cui si becca il rosso. Frustrazione totale, troppi ruoli (anche terzino sx) e la testa non regge.
Marin 4,5: parte bene, poi piano piano si dissolve. È anche vero che con un Ceppitelli che perde sistematicamente il tempo di gioco non è facile fare da regista. Ci mette impegno fino alla fine, ma è davvero troppo poco.
Caligara 3: è difficile cercare di non mettere il dito nella piaga, ma la verità è che parte già con un cartellino pesante che lo limita oltre i suoi stessi limiti. Inesistente in fase di filtro, tecnicamente inadeguato in costruzione. Esce all’intervallo e chissà, forse definitivamente.  (dal 46′ Sottil 4,5: parte con buona verve e poi si spegne soffocato dalla sua stessa evanescenza. Almeno però impegna Montipò)

Nainggolan 6: lui l’anima la mette in campo, da una sua invenzione nasce l’angolo del vantaggio. Come detto però non può essere la panacea di tutti i mali, Ninja sì, salvatore della patria solitario senza macchia e senza paura no. Cala com’è normale alla distanza. (dall’81’ Pereiro SV: il classico cambio della disperazione e della mancanza di idee)

Joao Pedro 6: un gol di rapina da centravanti quale ormai sembra essere e poi tanta voglia di fare qualcosa per una squadra che non lo segue. Una luce nel buio.
Pavoletti 5: segna subito, ma l’arbitro annulla. Si rifà con l’assist per Joao Pedro. In mezzo lotta, pressa, prova a far salire una squadra che non c’è. Nella ripresa, però, sparisce anche lui.
Di Francesco 3: altro cambio, altro schieramento a specchio, altra delusione. Mancano giocatori, manca carattere, manca fase difensiva, manca un po’ tutto. Essendo il condottiero è il principale responsabile, di fronte il Benevento e non il Napoli a eliminare la forza dell’avversario come mantra. Fatto otto si è fatto nove, e ora? Resilienza è la nuova parola, nessuno l’ha però vista in campo, così come non si sono viste nemmeno le idee oltre l’identità.

Matteo Zizola

 

Al bar dello sport

28 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti
sandy-sardinia-spiagge-sardegna