Gagliano di fioretto, Boccia di spada

I nostri giudizi sulla Primavera del Cagliari, vittoriosa nella partita di Asseminello contro il Bologna. 

Ciocci 6.5 – Fa da spettatore per diverso tempo poi nella ripresa è attento in due occasioni su Cangiano. Dà sicurezza al reparto.
Porru 5 – Canzi ha chiesto più volte ai suoi maturità e controllo, specie dopo la sconfitta con l’Atalanta. Lui, che è fuoriquota, manda a quel paese l’arbitro e complica la gara ai suoi in un momento di controllo.
Boccia 7.5 – Partita importante per il centrale oristanese chiamato al non semplice compito di arginare Cangiano. In costante crescita in questo campionato che era iniziato con l’espulsione con il Genoa.
Carboni 6.5 – Attento e bravo in copertura, nella ripresa è chiamato agli straordinari dopo l’espulsione di Porru . Di testa è spesso fondamentale nelle ripartenze degli ospiti.
Aly 6 – Oggi meglio in fase propositiva che in fase difensiva. Su quella fascia però il Bologna attacca molto e lui spesso è in ritardo. Qualche errorino in fase di costruzione. (Dall’81’ Cusumano s.v)
Kanyamuna 6 – Mette il silenziatore al suo dinamismo e rispetto al recente passato cala un filo la sua prestazione. Nel momento di mare in tempesta però è sempre in mezzo alla lotta e mette sacrificio. (Dall’85’ Cossu s.v)
Ladinetti 7 – Solito ordine in mezzo al campo e piedino caldo. Ci prova in due occasioni ma è bravo Molla. È la mente di questa Primavera.
Lombardi 6 – Si muove tanto ed è propositivo però sbaglia spesso l’ultimo pallone. Ha almeno due palle gol interessanti dove può fare di più. Quest’anno è chiamato a fare uno step in più, per ora non lo ha fatto.
Marigosu 6 – Se non avesse la scusa dell’infortunio subito prima della pausa nazionali, che gli è costato anche la rinuncia alla chiamata in Under 19, forse sarebbe da considerarsi insufficiente la sua prestazione. Si impegna ma oggi poco in partita. (Dal 68′ Acella 6 – Entra per rimediare all’uscita anticipata di Porru, copre e spinge anche però in alcune occasioni rischia. Si sta ambientando).
Contini 6 – Inizia con la voglia di spaccare il mondo dopo il periodo da squalificato. Di fatto però si spegne alla distanza e perde molti palloni. Però è da lodare la sua generosità.
Gagliano 7 – Personalità e classe. Doti che servono per fare il gol che porta in vantaggio i rossoblù. Per il resto lotta ed è il più pericoloso dei suoi come sempre. Resta in piena corsa per il titolo di capocannoniere del campionato (dall’85’ Manca s.v)
All. Canzi 7 – Sporchi e cattivi, i suoi ragazzi sono un concentrato di voglia di stupire. Bravo nel gestire la stanchezza con cambi oculati, dovrà lavorare ancora sulla mentalità perché i suoi troppo spesso perdono il controllo e prendono cartellini evitabili.

Roberto Pinna

Sponsorizzati