serie-d-sardegna-muravera-loi-centotrentuno

Loi: “Punto d’oro, Meloni fa parte di questo progetto”

Scopri il nostro canale su Telegramle-notizie-di-centotrentuno-su-telegram

Le dichiarazioni del tecnico del Muravera al termine del match pareggiato con il Latte Dolce.

Così Francesco Loi nella sala stampa del Vanni Sanna: “Sono felice della partita dei miei. Va sempre ricordato che la nostra impresa è quella di tenere una squadra in Serie D con una cittadina di 5 mila abitanti. Sono orgoglioso dei miei ragazzi, specie per essere davanti a squadre più blasonate di noi. Il campionato inizia a gennaio, lo sappiamo bene, però anche oggi abbiamo dimostrato di esserci calati nella mentalità di questa categoria. Credo che Stefano Udassi sia uno dei migliori allenatori in Sardegna, è interessante per me il confronto tattico con lui. Sulla gara di oggi dico che abbiamo avuto almeno 4 palle gol nette, che non abbiamo concretizzato. Abbiamo interpretato la partita al meglio, ma ci sono rimpianti perché Martorel non ha fatto grandissime parate, a differenza di Lai. Mi ripeto, questo per noi è un punto che vale oro”.

Fronte mercato: “In entrata abbiamo chiuso con l’arrivo di Masia (Alessandro, trequartista ex Cagliari, svincolato dal Tamai, ndr), che arriverà martedì. In uscita sono stati liberati alcuni giovani, ma mi preme chiarire una cosa. La società ha chiesto a tutti i giocatori se qualcuno volesse cambiare aria, per ora non ci sono state richieste. Sul Meloni, siccome ho letto diverse cose, dico che non è stato cercato da nessuno: la Torres non ha fatto nessuna richiesta ufficiale alla società. Quindi, quando arrivano le telefonate direttamente ai calciatori, si sa che sono inutili e controproducenti. Meloni è un giocatore importantissimo per il Muravera, fa parte integrante di questo progetto. Se qualcuno vuole Giuseppe deve chiamare il nostro presidente. Siamo in questo mondo da trent’anni, ma il rispetto vale in tutti i ruoli, nessuno può fare mercato in modo scorretto. Il Muravera è una società seria, posso garantirlo. Finora sul tema ci sono state più chiacchiere da bar: non si può certo pensare che un giocatore non possa andare da un’altra parte. I pirati li sappiamo fare tutti: ho il numero di telefono di decine di giocatori, ma quando voglio un rinforzo vado dal mio presidente e glielo faccio presente. Non telefono di certo al ragazzo. Come abbiamo fatto con il Cagliari per Spanu, un 2002 che finora ha sempre giocato titolare, come per Marongiu che sta diventando un calciatore importante”. 

dall’inviato a Sassari Francesco Aresu

TAG:  Serie D
 

Al bar dello sport

0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti