Nahitan Nandez in azione

Nández, il redivivo: bentornato, León

L’ex Boca Juniors è stato tra i migliori in campo nel Cagliari che a Brescia ha ripreso a far punti dopo la striscia di sconfitte consecutive.

SCARICA LA NOSTRA APP ANDROID SUL PLAY STORE!

Il pareggio di Brescia ha restituito al Cagliari sprazzi del miglior Nahitan Nández: El León è tornato a ruggire sulla fascia destra regalando, soprattutto nel primo tempo, giocate di ottima fattura culminate con l’assist (il numero 4 in stagione) per il vantaggio di Joao Pedro. Dopo l’inizio folgorante in maglia rossoblù che aveva fatto innamorare subito i tifosi, il centrocampista uruguaiano si era perso di fronte a un calo fisiologico figlio del mancato riposo dopo la Coppa America, l’inizio di stagione con la maglia del Boca Juniors e l’arrivo a Cagliari. Nonostante ciò Nández non ha mai fatto mancare l’impegno sul campo e non si è mai tirato indietro neppure di fronte ad alcuni problemi fisici che ne hanno limitato la condizione: sia a Lecce che a Sassuolo è sceso in campo con una caviglia malconcia, dando sempre il suo contributo di garra alla causa rossoblù.

BENEDETTA SOSTA – La sosta natalizia ha rappresentato il crocevia della sua stagione su due piani contrapposti, da un lato il meritato riposo dopo un anno senza interruzioni e dall’altro la contesa con la società attraverso il suo procuratore Pablo Bentancur: il Nández visto ieri potrebbe aver beneficiato così delle pile ricaricate nelle ultime settimane e, allo stesso tempo, della tregua nella querelle sui diritti d’immagine (e non solo) che gli avrebbe restituito la serenità perduta. Tregua e non pace, perché del futuro è meglio non parlarne ora, specie alla luce delle sirene che arrivano da oltre Tirreno: con la Coppa America prevista per il prossimo giugno e caratteristiche tecniche che attirano l’interesse di squadre da Champions, Nández – secondo TransferMarkt il giocatore più prezioso del Cagliari, con un valore di 26 milioni di euro – potrebbe essere il nuovo uomo mercato di Giulini in estate.

Appare comunque certo che Maran avrà bisogno del miglior León nel girone di ritorno per non spegnere il sogno di un campionato che vada oltre la salvezza tranquilla: per il futuro c’è tempo, nella speranza che il caso che ha tenuto banco da inizio dicembre sia davvero un capitolo chiuso.

Matteo Zizola

Accedi per commentare

Sponsorizzati