Stefano Gentile

Gentile: “Ci faremo trovare pronti al rientro”

Ospite del nostro appuntamento quotidiano con Linea 131 (tutti i giorni dalle ore 19:00 sulla nostra pagina Facebook), il giocatore della Dinamo Sassari Stefano Gentile ha risposto ad alcune delle nostre domande.

Inevitabile iniziare dalla situazione attuale che vede lui e i suoi compagni in quarantena forzata di due settimane dopo il rientro dalla Spagna: “Abbiamo un programma che ci ha dato il preparatore atletico, ci manca ancora una settimana di quarantena. Stiamo facendo dei lavori per mantenere la forma fisica e il tono muscolare”.

Sul rapporto con la città: “A Sassari mi trovo bene, siamo qui in pianta stabile con la mia ragazza: abbiamo già i nostri posticini per mangiare e per passeggiare con i miei cagnolini. Ci siamo ambientati bene, il popolo biancoblú ci ha aiutato”.

Sul rapporto con coach Pozzecco: “Ha un feeling speciale con tutti, ci tiene molto al rapporto con i singoli giocatori. La fiducia e la confidenza da forza al gruppo secondo la sua filosofia”.

Dal punto di vista prettamente sportivo la sosta forzata non aiuta: “Dispiace perché più dura è più si resetta quello che hai fatto da agosto, ma ognuno lavora a casa propria e cerchiamo di rimanere concentrati per il ritorno in campo”.

Sul rapporto col fratello Alessandro: “Mi sono sempre trovato bene con lui, il nostro è un rapporto solido: sarebbe bellissimo averlo di nuovo con me a Sassari. Il suo canestro vittoria in Dinamo-Trento? Gli ho detto che la prossima volta dovrà tirare con le mani (ride ndr). A parte gli scherzi era un periodo sfortunato con una serie di sconfitte sulla sirena e con canestri fortuiti”.

Come integrate gli americani in squadra?: “Qua a Sassari siamo fortunati,  gli stranieri che rimangono come Pierre hanno aiutato i nuovi a far capire questo mondo e noi italiani facciamo un po’ da mediatori”.

Sulla possibilità playoff nel calcio per concludere la stagione commenta: “Sarebbe spettacolare, a me piace la Chamoions League perché ha fatta simile ai playoff. C’è grande attesa per le partite e penso che se le squadre hanno già vinto un campionato a 4-5 giornate dalla fine tutto perde di spettacolarità”.

La più bella partita giocata con la maglia della Dinamo? “Gara 1 con Milano, per importanza e prestazione una delle miei migliori anche per il palcoscenico. Ho giocato bene anche Gara-3 con Brindisi”.

L’INTERVISTA COMPLETA

AL BAR DELLO SPORT

guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti