Verde Clorofilla: come coltivare delle piante senza la terra?

Inizia oggi una nuova avventura, una nuova rubrica targata Centotrentuno.  Faremo un viaggio insieme a Verde Clorofilla tra le curiosità e le bizzarrie della natura nel mondo della flora, dell’agricoltura e nel rapporto tra l’uomo e le piante. Un approccio divertente e con informazioni applicabili da tutti anche nella quotidianità. Iniziamo con quelle colture che possiamo fare anche a casa senza bisogno di terra o ampi spazi.

Colture senza suolo

Ebbene si, esistono colture letteralmente fuori dal suolo, cioè la loro coltivazione avviene in assenza del terreno agrarioVerrebbe da chiedersi da dove le piante possano attingere per avere le sostanze nutritive di cui hanno bisogno: la risposta è l’acqua, addizionata delle sostanze nutritive necessarie ad un determinato tipo di coltura. In altre parole è la coltivazione delle piante in acqua.

Coltivazione di pomodori idropinici

Idroponica

Per quanto venga da pensare che questa tecnica sia altamente innovativa, in realtà esiste fin dai tempi antichi. La parola “idroponica” deriva dal greco Hydros, acqua e ponos, lavoro. Le piante al suo interno possono trovarsi con la radice completamente nuda, oppure in un substrato naturale o artificiale. Distinzione fondamentale è se avviene il recupero o meno della soluzione nutritiva, perché in base a questo viene progettato l’impianto idroponico che sarà a sistema chiuso quando avviene il recupero della sostanza nutritiva (che rientra in circolo dopo esser stata pulita) e a sistema aperto nel caso contrario.

Vantaggi e svantaggi del tipo di coltura

 

L’idroponica regala diversi vantaggi– minori problemi di fitopatie e di infestanti – pieno controllo della concimazione e quindi assenza di sprechi – maggiori produzioni soprattutto fuori stagione.– minor impatto ambientale – automazione.

Allo stesso tempo, però, possiede anche degli svantaggi:

– alti costi d’impianto – personale specializzato – smaltimento substrati esausti – rischio di asfissia radicale.

piantine coltivate in maniera idropinica

Quali piante possono essere coltivate così?

Ovviamente non tutte le piante sono adatte a questo sistema, ma gran parte degli ortaggi e delle floricole sì e questo dà grande rilevanza all’idroponica che, rappresenta l’agricoltura del futuro. L’Olanda è il paese leader in questo settore, si possono trovare impianti davvero unici e ad altissima tecnologia ma, senza andare molto lontano, possiamo tutti provare a fare dell’idroponica in casa: famosissimo è il caso del seme di avocado che, se messo in un barattolo pieno d’acqua, ci regalerà il fantastico processo di crescita delle radici. Non resta che provare!

avocado idropinico

Arianna Monagheddu

AL BAR DELLO SPORT

guest
4 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti
Felice
Felice
16/10/2020 13:01

Penso che le piante di basilico siano molto adatte alla coltura idroponica e sono sempre utili in cucina

Arianna
Arianna
In risposta a  Felice
16/10/2020 13:51

Ciao Felice, hai perfettamente ragione! Il basilico è perfetto per l’idroponica.

Felice
Felice
In risposta a  Arianna
16/10/2020 14:16

di solito taglio le piante adulte per farle radicare dentro un bicchiere con sola acqua. è divertente vedere come crescono le radici addirittura senza nutrienti!

Arianna
Arianna
In risposta a  Felice
16/10/2020 15:27

Bravissimo!! Anche a me affascina tantissimo, e la cosa bella è sperimentare e vedere il risultato