agenzia-garau-centotrentuno

Cagliari, sold-out al Teatro Massimo per “Vere e Sacrosante” di LucidoSottile

Scopri il nostro canale su Telegramle-notizie-di-centotrentuno-su-telegram
sardares
sardares

Risate a crepapelle al teatro Massimo di Cagliari per lo show esilarante delle LucidoSottile in “Vere e Sacrosante”. Uno spettacolo sold-out per la rassegna “Pezzi unici”del Cedac, per il duo amatissimo delle due attrici cagliaritane, Tiziana Troja e Michela Sale Musio, accompagnate dalla compagnia Batisfera. Sul palco ospiti anche Massimiliano Medda e Daniele Gastaldi de La Pola, per un cameo tutto da ridere. Una serata dedicata a Gianluca Floris, cantante lirico e intellettuale prematuramente scomparso.

Le due, rivelano “Tutte le verità tanto da non crederci” sulla loro «vita da artiste tra sano realismo e voli della fantasia» tra sketches e gags, “apparizioni” a sorpresa e colpi di scena. Uno spettacolo creato da un momento vissuto di recente, con lo sgombero dell’Ex Art di piazza Dettori, stabile restituito al Comune per lavori di restauro, che le ha lasciate senza una dimora ufficiale. Una scenografia creata con gli scatoloni e gli allestimenti di tutti i loro spettacoli, un dialogo lungo due ore che cita ricordi, vita vissuta e che tira le orecchie ad un’amministrazione che poco fa per la cultura, con la solita ironia che le contraddistingue.

Le due poliedriche artiste, che in ogni loro spettacolo curano l’ideazione, la drammaturgia, la regia e le coreografie, firmano un autoritratto che contiene il “manifesto” di LucidoSottile, con una cifra trasgressiva e irriverente unita all’attenzione costante verso temi delicati e complessi e questioni cruciali del presente, come i pregiudizi e gli insensati timori, le ingiustizie e le discriminazioni, le ansie e le inquietudini della società contemporanea. Sul finale, “l’ospitata” di Tanya e Mara, personaggi che hanno sancito il loro successo, in cui interpretano la parte più verace cagliaritana, che tanto diverte, e non conosce età, hanno ringraziato il pubblico dopo due anni di stop forzato a causa della pandemia e spettacoli annullati dai protocolli sanitari, con una reale commozione per questo nuovo e agognato abbraccio col pubblico sulle note di Dancing Queen, in una infinita standing ovation al ritmo degli Abba.

Valentina Boi

TAG:  Spettacolo
 

Al bar dello sport

0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti