agenzia-garau-centotrentuno

Certificato medico in palestra: obbligo?

Scopri il nostro canale su Telegramle-notizie-di-centotrentuno-su-telegram

La nuova rubrica di Centotrentuno.com che si occupa di fitness e benessere, a cura di Alessandro Risola, titolare di Back Fit.

Il primo argomento che vorrei trattare in questa nuova rubrica è per me, dottore in scienze motorie ed esperto di fitness, un tema molto delicato e oggetto di grandi discussioni negli ultimi anni sia nei centri sportivi che nelle palestre. Premetto che il certificato medico non agonistico con prova da sforzo e, ancora meglio quello agonistico, per me è SEMPRE OBBLIGATORIO. Ora spiego i motivi:

Innanzitutto, per una questione di etica professionale, da esperto mi sento in dovere di tutelare in primo luogo la salute di chi decide di affidarsi al nostro staff, perché per noi è una priorità assicurarci che il cuore di chi fa esercizio stia bene. Questo per poter lavorare in sicurezza e chiedere il massimo dal proprio corpo, sempre in maniera controllata.

Secondo aspetto, quello fisiologico. Ogni anno il nostro corpo subisce dei cambiamenti ed è giusto, come accade per tutte le macchine, fargli una bella revisione!

Terzo punto, ma non meno importante: non è possibile fare la lezione di prova in palestra senza certificato medico! Personalmente non metterei mai a rischio la salute dell’utente e, di conseguenza, la nostra serietà.

Questi per me sono i punti chiave, soprattutto considerando che quella di oggi è una società nella quale si vive costantemente sotto stress.

Alessandro Risola

TAG:  (In)Forma