agenzia-garau-centotrentuno
Max Canzi | Foto Sandro Giordano

Olbia, Canzi: “Avanti con consapevolezza e fiducia”

Scopri il nostro canale su Telegramle-notizie-di-centotrentuno-su-telegram

Quarta vittoria, ottavo risultato utile consecutivo, inizio anno con una vittoria in casa e girone d’andata chiuso a 22 punti. Ci sono tanti motivi per sorridere al termine di Olbia-Grosseto per il tecnico dei bianchi Max Canzi.

“Partita complicata con un avversario forte. Sono contento soprattutto per come siamo partiti, lo avevo chiesto ai ragazzi. Dobbiamo dare un segnale preciso, far capire che siamo noi in casa, e così abbiamo fatto. Poi siamo riusciti a soffrire tutti insieme ed è andata bene. Se mi avessero detto che avremmo girato a 22 punti a inizio campionato lo avrei ritenuto ragionevole, non certo esaltante. Per come si è sviluppato il nostro percorso abbiamo lasciato qualcosa dietro, ma devo dire che non ricordo di aver mai fatto 8 risultati utili consecutivi. Questo dà grande consapevolezza e fiducia”.

Un po’ di sofferenza nel secondo tempo: “Nelle partite condizionate dal vento non è facile, in più giocavamo contro una squadra forte che sotto di due gol non aveva nulla da perdere e giocato il tutto per tutto rischiando molto. Per questo ci siamo messi scandalosamente (ride, nda) a 5 dietro, stavamo subendo troppo. Loro non passavano più da vie centrali, per questo ho tolto Biancu. Mettendo La Rosa ero tranquillo perché non ho mai dubbi su come possa entrare, ha una capacità di accendere la concentrazione straordinaria, da pochi”.

Parlando di singoli un commento su Pisano? “Oltre al gol cosa posso dire di Pisano? Ha fatto una grande partita di qualità e quantità, spirito. È capitano non a caso, non per il nome o il blasone, ma per meriti quotidiani”.

Ed è proprio Francesco Pisano a parlare nel post gara.

“Stesso schema provato anche a Sesto che non era riuscito. Non è sempre facile, le altre squadre studiano, quindi abbiamo riproposto uno schema vecchio e stavolta è andata bene. È stata una bella vittoria, siamo stati bravi a soffrire. Mentalmente restiamo sempre lì, non molliamo, ripartire controvento non è facile, siamo contenti per come è andata”.

Sono arrivati anche gli elogi di Canzi: “So che noi grandi dobbiamo essere d’esempio, ringrazio per la stima e spero di ripagarlo con i gesti dentro e fuori dal campo”.

Girone di andata chiuso a 22: “Abbiamo iniziato con fatica, essere riusciti a tirarci fuori da quella situazione mi fa piacere, iniziare l’anno con pari e vittoria vuol dire che con la testa ci siamo”.

Ora il Pontedera: “Avversario tosto, con esperienza. Giocare nel sintetico non sarà facile, dobbiamo prepararci bene come abbiamo fatto questa settimana”.

 

Roberta Marongiu

TAG:  Serie C
 

Al bar dello sport

0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti