Cagliari, il mercato è pronto a esplodere

Birsa per Castro, Nandez per Barella, forse Thereau per Farias. Al netto del primo affare, ormai concluso, come cambia il Cagliari di Maran?

Mancano poco meno di due settimane alla ripresa del campionato e il Cagliari non sembra avere intenzione di perdere tempo nella corsa verso la salvezza. Per questo il club rossoblù ha accelerato la trattativa per portare in Sardegna Valter Birsa, trequartista sloveno del Chievo, giunto per sostituire l’infortunato Castro. Svolte (e superate) le visite mediche a Villa Stuart, il 32enne è sbarcato nella serata di ieri a Cagliari – ufficialità prevista in mattinata, contratto fino a giugno 2021 – dove ritrova Maran, forse l’unico tecnico davvero capace di farlo rendere al meglio con la maglia gialloblù (163 presenze totali, 18 reti e ben 26 assist), dopo un inizio di carriera da attaccante con la maglia del ND Gorica, prima dell’esperienza in chiaroscuro in Francia (Sochaux e Auxerre) e dell’arrivo nel Belpaese con Genoa, Torino e Milan. Birsa andrà a posizionarsi sulla trequarti, a fare l’1 nel 4-3-1-2 di Maran, così da consentire a Joao Pedro di svariare al fianco di Pavoletti in avanti. Senza dimenticare l’abilità balistica dell’ex Genoa e Milan, più volte ammirata in passato dai tifosi clivensi.

BARELLA OUT, NANDEZ IN? – Ma la trattativa che tiene maggiormente banco a Cagliari, inutile nascondersi, è quella legata a Nicolò Barella. Sempre più nel mirino di Chelsea (50 milioni cash più il brasiliano Lucas Piazòn) e Napoli, con il club di De Laurentiis deciso a non arrendersi. Sotto il Vesuvio l’attesa è spasmodica, l’interesse per il talentino rossoblù è tanto. Ma Giulini e Carli (leggi qui la nostra intervista al direttore sportivo rossoblù) sanno bene che l’asta creata per Barella è solo all’inizio e, soprattutto, non vorrebbe rinunciare ora al calciatore, unico vero fuoriclasse in rosa. O meglio: lo farebbe soltanto in cambio di un’offerta irrinunciabile, in caso di alternativa a Tardellino già pronta. E questa, ça va sans dire, esiste e porta il nome di Nahitan Nandez, 23 anni, mediano uruguaiano del Boca Juniors. Il “Barella Celeste”, potremmo definirlo, dato che caratteristiche fisiche (172 cm per 70 kg) e tecniche sono abbastanza simili. Nandez è un motorino instancabile, ha una capacità notevole di recupero palla e riproposizione dell’azione, unita a ottima tecnica ed efficacia davanti alla porta, come dimostrano le sue cifre in carriera: 87 presenze, 8 gol e 11 assist con la maglia del Penarol; 41 caps, 4 reti e altrettanti assist con quella del Boca Juniors. Già 20 apparizioni con la Celeste, di cui 13 da titolare, Nandez è un calciatore pronto per il calcio europeo, forse già per una big. Anche per questo l’offerta del Cagliari ha destato scalpore e creato malumori nella tifoseria xeneixe, che ha riversato decine di insulti social sia sul profilo dell’uruguagio che su quello del club rossoblù. Il suo agente ha dato per prossimo l’accordo tra le due società, possibile che nella giornata di oggi se ne sappia qualcosa di più. Quel che è certo è che se Nandez arrivasse per 21 milioni di euro (per quanto divisi in due soluzioni) sarebbe l’acquisto più oneroso della storia del Cagliari.

FARIAS IN BILICO – Più defilata, infine, la questione seconda punta. La permanenza in rossoblù di Diego Farias è in bilico e non certo da oggi. Mai davvero pienamente convincente nei quattro anni e mezzo in Sardegna, Il brasiliano vuole restare in Italia per questioni di nazionalità (a breve diventerà cittadino italiano) e piace al Sassuolo. Già lo scorso anno l’affare sembrava chiuso ma, proprio nelle ultime ore di mercato, tutto saltò per il gran rifiuto di Politano (ora all’Inter) al trasferimento al Napoli. Tutto lascia pensare che entro il 31 gennaio possa esserci un revival, con il Mago di Sorocaba destinato a lasciare Cagliari. Per la sua sostituzione Maran sarebbe ben lieto di riavere alle proprie dipendenze Cyril Thereau, ormai 35 anni, fuori dai piani di Pioli a Firenze, con contratto in scadenza a giugno 2020. Nessuna novità al momento su questo fronte, con il francese entrato anche nel mirino del Chievo, sua ex squadra, proprio per sostituire il neorossoblù Birsa.

Francesco Aresu