agenzia-garau-centotrentuno
Manuel Giandonato | Foto Sandro Giordano

Giandonato: “Olbia, più cattiveria. Piacenza? Non ci fu feeling”

Scopri il nostro canale su Telegramle-notizie-di-centotrentuno-su-telegram

Parole della vigilia prima della sfida al Piacenza, domani 17 febbraio alle 12.30 al Nespoli, per il centrocampista Manuel Giandonato. Olbia-Piacenza per il classe 1991 dei bianchi è una sfida da ex. Il calciatore cresciuto nel settore giovanile della Juventus, infatti, prima dello sbarco in Gallura ha vestito proprio la maglia biancorossa dei lupi.

Come giudicheresti l’Olbia delle ultime giornate (tre sconfitte e un pareggio)?Secondo me queste ultime gare sono il paradosso della nostra stagione. All’inizio facevamo fatica a creare occasioni, ora facciamo delle grandi prestazioni ma non sono arrivati i punti pesanti. A Livorno abbiamo avuto un momento di blocco mentale ma poi siamo riusciti a ribaltare la partita. Per me siamo sulla strada giusta ma ci manca un pizzico di cattiveria, ignoranza o furbizia per portare a casa i tre punti. Per esempio sulla punizione del primo gol del Livorno ho sbagliato io“.

Come arriva fisicamente l’Olbia a questo nuovo tour de force in campionato?Pensiamo partita dopo partita, domani sarà uno scontro fondamentale. Per ora quindi pensiamo solo alla sfida contro i biancorossi e poi andremo avanti preparando gara per gara. Siamo consapevoli della nostra forza e delle nostre lacune. Usiamo il nostro spirito battagliero senza perdere di vista quelle che sono le nostre caratteristiche“.

Come si impara ad essere più cattivi durante una stagione?Per prima cosa dobbiamo andare in vantaggio e poi una volta sopra sapendo gestire. A Livorno siamo stati leggeri. Ma non è solo una questione di giovani. Anche noi grandi dobbiamo prendere per mano la squadra e leggere meglio le scelte della gara. Ora abbiamo fatto abbastanza esperienza per non commettere gli stessi errori“.

Sfida al Piacenza, tuo recente passato non troppo felice…Ho anticipato di sei mesi quello che in tanti hanno fatto l’anno scorso. Non c’è stato feeling con l’ambiente. Non mi sono trovato bene con l’ambiente. Il saluto dalla squadra è arrivato senza nessun rancore, semplicemente lì non è scattata nessuna scintilla. Mi spiace, perché ci tenevo a far bene lì. Ma non ho pensieri di vendetta personali“.

Classifica pericolosa ma corta, si può pensare ai playoff?Sabato dopo il Livorno eravamo furiosi. Avere queste sensazioni è positivo, perché sappiamo di aver buttato dei punti. Io sono ottimista ma in 24 partite abbiamo fatto 4 vittorie, non posso pensare ora ai playoff. Guardando a questo dato. Non pensiamoci ora alla zona dei sogni, pensiamo a toglierci dalla zona pericolosa. Poi se ci avvicineremo ci penseremo ma ora pensiamo a non stare in questa posizione della generale. Se guardi oltre perdi di vista l’obiettivo vicino“.

Tu il più ammonito, ma come mai l’Olbia vista la classifica prende così pochi cartellini?Dobbiamo avere più cattiveria, senza fare troppi pensieri  sui cartellini. Sul gioco non abbiamo noi le caratteristiche per fare una partita come facevamo l’anno scorso. Noi siamo una squadra che ha bisogno di fare giro palla, di fare gestione. Specie perché davanti abbiamo giocatori come Ladinetti, Biancu, Udoh e Ragatzu che hanno la necessità di avere la palla tra i piedi“.

Senti la responsabilità di dover essere uno dei leader di quest’Olbia?Molti mi dicono che spesso parlo tanto in campo. A me viene naturale ma in rosa ci sono anche  giocatori d’esperienza come Emerson, La Rosa, e altri che vogliono trasmettere la loro forza agli altri. Ma è un percorso non facile perché i ragazzi che vengono dalla primavera hanno bisogno di anni per capire la malizia, la testa per affrontare al meglio la stagione“.

Che gara sarà contro il Piacenza?Noi fin qui abbiamo giocato alla pari contro tutti, quindi non c’è paura di nessuno. Li rispettiamo anche perché sono in forma ma vogliamo imporre il nostro gioco. Hanno un ottima rosa ma noi non siamo da meno“.

Per la sfida ai biancorossi l’Olbia di Canzi recupererà dalla squalifica l’esterno difensivo Cadili. Sempre fuori l’attaccante Gagliano.

Roberto Pinna

TAG:  Olbia Serie C
 

Al bar dello sport

0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti