Cagliari-Sirigu: molto più che un semplice desiderio di mercato

I sogni son desideri, Vivere una favola, Non escludo il ritorno. Potrebbe essere ognuna di queste canzoni la colonna sonora dell’estate di Salvatore Sirigu, nato a La Caletta, cresciuto tra Posada e Siniscola, fattosi notare al Puri e Forti di Nuoro e poi protagonista di un giro d’Italia da Nord a Sud e viceversa con un’escursione fuori confine tra Francia e Spagna. Si dice che il Cagliari lo avesse scartato, poi arrivò il Venezia, il Palermo, i prestiti e di nuovo i rosanero e la Nazionale. Il resto è storia, Paris Saint Germain, Siviglia, Osasuna e infine Torino, quella maglia granata che potrebbe aver vestito per l’ultima volta il 26 luglio a Ferrara. Una chiusura col botto, i tifosi del Toro lo hanno eletto giocatore dell’anno in una stagione difficile e con una salvezza arrivata anche se non soprattutto grazie alle sue parate.

Non esclude il ritorno Salvatore Sirigu, anzi, il suo sogno, che poi è un desiderio, è quello di rivedere la Sardegna e non per una vacanza, ma per vestire finalmente a 33 anni la maglia rossoblù del Cagliari e chiudere il cerchio di una carriera ad altissimi livelli. Vivere una favola, difendere i pali della Sardegna Arena potrebbe presto diventare realtà e il condizionale ogni giorno che passa si avvicina al presente. Sirigu è sia causa che effetto del mercato rossoblù tra i pali, avere un portiere di sicuro affidamento pronto e voglioso di una nuova sfida fatta anche di sentimenti forti aiuta ad ammortizzare il dispiacere per la partenza di Cragno, l’Inter nel mirino, l’affare Nainggolan da chiudere. Questione di incastri, segnali forti e importanti perché se Sirigu è sempre più vicino al Cagliari Cragno diventa sempre più distante e il cerchio si chiude per tutti, non solo per il portiere di La Caletta, ma anche per il primo giro di giostra del mercato rossoblù. Sirigu è pronto a vestire rossoblù, attende solo il via libera consapevole che nel calcio tutto può cambiare da un giorno all’altro e Cagliari essere soltanto sfiorata come quando da ragazzo fu scartato. Questa volta, però, il finale sembrerebbe proprio diverso e il rossoblù non dovrebbe sfuggirgli perché, si sa, i sogni sono desideri e i desideri possono diventare realtà, basta volerlo.

Matteo Zizola

AL BAR DELLO SPORT

guest
10 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti
Efisio
Efisio
11/08/2020 08:02

Io penso che sarebbe meglio riprendere Olsen o come si chiama ???

Lucio Cabriolu
Lucio Cabriolu
09/08/2020 00:33

È giusto che Cragno abbia uno scenario più grande del CA,Se arrivasse Sirigu andrebbe a meraviglia.Il problema non è il portiere ma la difesa…Con 2/3 innesti buoni la squadra lotterebbe sicuramente per l’Europa.

Bruno
Bruno
07/08/2020 13:38

Magari liberarsi definitivamente di Cragno, un mediocre stravalutato in stile Perin!

Mario
Mario
In risposta a  Bruno
09/08/2020 02:14

Bai a cagai non capisci niente

Salvatore
Salvatore
07/08/2020 08:11

Il mio modesto parere, se si riuscisse sarebbe un bel movimento. Vedrei Sirigu come Buffon alla Juve mi affescina molto la cosa. Poi se nel movimento riuscissimo a tenere il Ninja. E con dei soldini che entrano rigenerare una difesa scandalosa, io ci spero FORZA CASTEDDU

Casteddu Matt
Casteddu Matt
In risposta a  Salvatore
07/08/2020 10:54

Credo che vendendo Nandez si possa fare come con Barella: sacrificarnee uno per fare tutta una squadra di livello

Arturo
Arturo
07/08/2020 07:48

Il portiere non si discute di certo, ma per il gioco del Mister non lo vedo congeniale quanto Cragno. Anzi anche l affare Nainggolan con questo scambio non mi convince, conviene più all inter. Io fossi in Giulini aspetterei un anno. 12 milioni son troppi.. anzi secondo me a gennaio conte ci litiga e ce lo regalano

Casteddu Matt
Casteddu Matt
In risposta a  Arturo
07/08/2020 10:54

ma ne abbiamo bisogno da subito

cazaputas42
cazaputas42
07/08/2020 06:13

Spero proprio di no

Casteddu Matt
Casteddu Matt
07/08/2020 03:06

Mi dispiacerebbe vedere Cragno andarsen ma sarei davver felicissimo per vedere un orgoglio sardo come lui vestire il rossoblu inoltre tecnicamente non si discute e farebbe crescere alle sue spalle il giovane Vicario!