agenzia-garau-centotrentuno

Xavi contro Scopigno: il Barcellona punta il record del Cagliari di Riva

Scopri il nostro canale su Telegramle-notizie-di-centotrentuno-su-telegram
sardares
sardares

Una storia lunga quasi 103 anni, quelli che partono dal 30 maggio 1920, giorno della fondazione del Cagliari. Un’altra che di anni ne sta per compiere 53, il 12 aprile 1970 una data che per il club rossoblù significa primo e unico scudetto. Un tempo lontano, lontanissimo, ma che ancora vive in un record mai battuto non solo in Serie A. E che ora, anno 2023, è in pericolo.

Xavi contro Scopigno
Trenta partite, 11 reti subite, una media dello 0,36 a gara. La difesa meno perforata della storia del calcio non solo della massima serie italiana, ma di tutti i cinque campionati top europei. Inghilterra, Francia, Germania e Spagna, nessuno è mai riuscito a superare il record del Cagliari dello scudetto. Ci hanno provato in tanti e se quello assoluto di 11 gol subiti appare inarrivabile – il torneo era a 16 squadre e oggi solo la Bundesliga ne ha 18, mentre le altre leghe top 20 – quello della media a partita potrebbe essere scavalcato al termine di questa stagione. Ad attaccare il primato dei rossoblù di Manlio Scopigno è il Barcellona allenato da Xavi, primo in classifica nella Liga grazie soprattutto a una difesa quasi imperforabile capace di subire soltanto 9 reti in 26 gare. Una media di 0,34 gol incassati a partita che, a dodici giornate dalla fine mette in reale pericolo il record di Gigi Riva e compagni.

Per restare negli almanacchi europei, dunque, il Cagliari deve sperare che i blaugrana catalani subiscano nelle ultime 12 gare almeno 5 gol. Con 14 reti in 38 partite, infatti, la media salirebbe a 0,368 contro lo 0,366 dei rossoblù campioni d’Italia del 1969-70. Elche, Girona, Getafe, Atletico Madrid, Rayo Vallecano, Betis Siviglia, Osasuna, Espanyol, Real Sociedad, Valladolid, Mallorca e Celta Vigo, sono queste le dodici avversarie che avranno nel Cagliari un tifoso in più. Oltre il fattore rilassamento che potrebbe dare una mano al record dei rossoblù, con il Barcellona avanti 12 lunghezze rispetto al Real Madrid secondo e vicinissimo alla vittoria della ventisettesima Liga della propria storia dopo un digiuno lungo tre campionati.

Matteo Zizola

 
Notifiche
Avvisami se ci sono
guest
1 Commento
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti