agenzia-garau-centotrentuno

Cagliari, Ranieri: “Se avessimo vinto 3-0 nessuno avrebbe detto nulla”

Scopri il nostro canale su Telegramle-notizie-di-centotrentuno-su-telegram
sardares
sardares
signorino

Le parole in sala stampa di Claudio Ranieri, il tecnico dei rossoblù ha analizzato la gara dei suoi contro l’Udinese alla Unipol Domus nella sfida valida per la quarta giornata della Serie A. Partita conclusasi con uno 0-0 caratterizzato da un palo di Luvumbo e da alcune buone occasioni capitate a Deiola.

Sulla gara e sui singoli
“Non mi piace il risultato logicamente, ma mi soddisfa e molto la prestazione. Avevo chiesto determinazione e voglia, questa è la strada giusta. Prati ha fatto una grande partita, quasi da veterano. Sa cosa voglio, mi è piaciuto molto. Shomurodov ha fatto bene, ha fatto vedere la lotta che gli avevamo chiesto dal club. Bisogna sempre dare tutto nel campo. Radunovic, lo sapete. Gli avevo parlato e gli ho detto che io ho la mia fiducia in lui. Lui si è buttato alle spalle l’errore e questa è la cosa importante nel calcio. L’anno scorso ci ha portato in A e oggi ha salvato il risultato, dopo aver sprecato noi troppo in attacco. Ma non è stato così grazie a lui”.

Caldo
“Difficile quanto ci abbia condizionato il caldo, ma i ragazzi alla fine erano esausti. C’era un’umidità che ci ha prosciugato. Però ormai è andata e va bene così. Mi tengo la buona prova dei miei”.

Problema gol
“Abbiamo preso un palo e avuto tante occasioni, magari in qualche giornata vinceremo non meritando. Il calcio è questo, ma siamo sulla nostra strada. Dobbiamo lottare su ogni pallone. Possiamo perdere ma non essere sconfitti”.

Difesa e nuovi
“Per la prima volta insieme e non parlando la stessa lingua hanno fatto bene. C’è ancora da migliorare ma ho dei ragazzi intelligenti. Hatzidiakos si è allenato con noi solo una settimana. Ci serve tempo”.

Cosa non è andato
“Poche cose non mi sono piaciute oggi. Ci serve più precisione nei movimenti tattici. Ma se avessimo vinto 2-0 o 3-0 nessuno avrebbe detto nulla”

Calendario
“Non mi spaventa sinceramente, sappiamo che ci saranno momenti complicati. Affronteremo 4 grandi squadre come Atalanta, Milan poi Fiorentina e Roma ma penseremo gara dopo gara. Poi tireremo le somme quando avremo finito questo poker di sfide complesse”

Sul modulo
“Ho scelto il 3-5-2 per bloccare le loro punte e i loro esterni. Ho guardato le altre partite loro e non volevo cambiassero lato di campo con troppa facilità. Deiola in marcatura ha fatto un gran lavoro, peccato non abbia segnato. I ragazzi si sono mossi così come l’avevamo studiata. Non pensate che io abbia scelto la formazione per i nazionali, io ho scelto in base agli allenamenti. Prati per dire è tornato dalla Nazionale che era a mille e oggi doveva giocare. Ora studieremo l’Atalanta per metterla in crisi in casa loro. Voglio togliere loro delle certezze, a prescindere dal modulo che sceglieremo. Per questo ci penso fino alla sera prima della partita”

Roberto Pinna

Notifiche
Avvisami se ci sono
guest
37 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti