Giovanni Simeone nel ritiro di Aritzo

Cagliari, Simeone: “Imparo tanto in Italia, ma mi sento un giocatore da Liga”

La punta del Cagliari Giovanni Simeone ha parlato a El Larguero all’indomani della partita di Torino che l’ha visto protagonista con una doppietta.

Il Cholito ha raggiunto il 50° gol in Serie A: “Sono in Italia da 4 anni, chi mi conosce sa che arrivo dalla panchina e ora mi sta uscendo tutto bene perchè sono uno che lavora molto e ora mi sta riuscendo tutto bene. Il primo gol col Torino è stata una bella giocata, una bella giocata di squadra. Aver vinto una partita importante ci dà forza per proseguire. Obiettivo di gol? Non ho voglia di mettermi un limite, un obiettivo. Credo che mi sto allenando molto bene ma posso ancora migliorare molto. Ora sono anche in Nazionale ma mi sto concentrando molto sul gioco. Voglio mantenere un livello molto alto. Gioco ultimamente più offensivo in Italia? Come avete detto voi, si dice che i gol in Italia valgono doppio. Gli attaccanti hanno spesso poche possibilità e sta a noi sfruttare tutte le occasioni”.

Poi una domanda sul futuro: “Se mi piacerebbe venire in Spagna? Sì, mi è sempre piaciuta la Spagna. Mio padre mi ha sempre detto che dovevo imparare per un paio di anni il calcio italiano per diventare un giocatore migliore. La Serie A è perfetta per apprendere tecnica e tattica. Però il Cholo mi dice sempre che io sono un calciatore da Liga e bisogna dare retta a chi sa di calcio. Sapete ciò che provo per l’Atletico, però mi piace molto il Siviglia. è una squadra che mi piace molto, da sempre, non soltanto ora- Forse perché mio padre in alcuni momenti mi ha mandato segnali dal Siviglia, dove stava giocando”. 

 

AL BAR DELLO SPORT

guest
6 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti
Flanker
Flanker
26/10/2020 20:42

Cosa farà domani non è dato saperlo, l’importante è che segni qui adesso

Antonino
Antonino
26/10/2020 18:35

Comincia a calare la simpatia x te caro”cio

Adriano
Adriano
23/10/2020 20:46

Qualcuno della dirigenza potrebbe spiegare a Simeone il senso di appartenenza del tifoso cagliaritano alla maglia? E che certe dichiarazioni sono sconvenienti per il rapporto Simeone/tifosi? Grazie.

Adriano
Adriano
20/10/2020 16:27

Giovanni, stai qui che ti conviene. Ricordati Firenze. Cagliari e i tifosi del Cagliari hanno molta pazienza, ti hanno aspettato e ti aspetteranno sempre, anche nei momenti difficili per te, che verranno, perché arrivano per tutti. Dovrai rispondere anche alla tua fidanzata troppo innamorata anche di Cagliari e della Sardegna. Stai, ascoltami, ascoltaci.

Adriano
Adriano
In risposta a  Adriano
23/10/2020 15:25

Però se ti senti da liga, perché caspita hai fatto mettere una clausola da 30 mln? Lasciavi le cose più morbide, così papà tuo avrebbe avuto più facilità a venirti a prendere.

Adriano
Adriano
In risposta a  Adriano
23/10/2020 20:50

C’è nessuno? Commento solo io? Allora sono delegato a farlo. Ai tifosi non frega nulla di quanto ho scritto? L’importante e’ che Simeone segni poi per il resto può anche andare a capire in Spagna? OK ne prendo atto e resetto tutto quanto ho scritto.