Carta: “Pinna sia esempio per i nostri giovani”

Pierluigi Carta ha parlato in occasione della presentazione del settore giovanile del Cagliari Calcio.

Vogliamo dare una mentalità che permetta di alzare l’asticella e quella di capire qual è l’obiettivo del tecnico con determinati allenamenti o esercizi: la cultura del lavoro va abbinata ai valori individuali in modo da onorare al meglio questa maglia che tra poco compie 100 anni. Una maglia che rappresenta non solo una città, ma una regione: una maglia che va portata con fierezza ed orgoglio come ha fatto il qui presente Daniele Conti, che pur non sardo ha incarnato perfettamente questa cosa”.

Il responsabile del settore giovanile si è poi soffermato sugli obiettivi del settore giovanile: “Crescere quotidianamente, non solo nel talento in campo ma nell’aspetto mentale. I ragazzi devono crescere come uomini e soprattutto curando l’aspetto scolastico. La scuola ti dà metodo, ti dà una linea di lavoro che si rivede anche sul campo. Simone Pinna è l’esempio lampante di come crescere faticando. È partito dalla Serie B e ora ha esordito in A”.

Sul connubio Cagliari-Olbia: “Non facciamo nulla di casuale: il fatto che Pinna abbia esordito e una cosa buona ma non ci sorprende. È partito dal basso e con la sua lungimiranza è riuscito ad arrivare in Serie A”.

“Si fa fatica a mandare i ragazzi in D? Mi metto nella mente dei ragazzi e a volte se sfiori il professionismo poi è difficile accettare un passaggio tra i dilettanti ma l’esempio di Simone Pinna dimostra che può servire”.

Poi un commento sulla Primavera che sabato partirà col proprio campionato contro il Genoa: “Pochi acquisti? Sì è deciso di puntare su uno zoccolo duro dell’anno scorso che ha fatto molto bene”

dall’inviato Roberto Pinna

Sponsorizzati