“Con me gli attaccanti segnano tanto”

Così il tecnico del Cagliari, Rolando Maran, intervistato a margine del Trofeo Sardegna, vinto contro l’Olbia per 1-0 (17′ Joao Pedro).

Le parole di Maran dopo la gara: “Quella di oggi è stata una partita dall’importanza relativa, ma è bello poter festeggiare insieme all’Olbia gli obiettivi raggiunti. Pavoletti? È ancora da verificare, deve fare gli esami del caso per vedere se recupererà per l’Udinese. Gli attaccanti, con me in panchina, spesso hanno fatto i record di gol e sono contento di questo. Domenica metterò in campo una squadra molto competitiva: incontreremo un’avversaria che sta andando molto bene. Chiunque verrà schierato so che potrà dare il proprio contributo”. 

Queste, invece, le parole del tecnico rossoblù ai microfoni di Sky Sport 24, prima del match: “Finalmente è arrivata la matematica, ci fa piacere aver dato ai mostri tifosi questa soddisfazione. Per me lo era quasi certa anche da prima, anche se le squadre dietro hanno iniziato a correre. Oggi e domenica sarà una bella occasione per festeggiare. Decimo posto? Vogliamo finire bene, se poi conquisteremo una posizione così prestigiosa sarà la ciliegina sulla torta. Di sicuro vogliamo fare sempre bene davanti ai nostri tifosi. Futuro? Ora cerchiamo di finire alla grande, ora siamo ancora concentrati su questo. Finite le partite inizieremo a ragionare”.

Sulla lotta salvezza: “Difficile dare risposte, ogni partita ha difficoltà enormi, sia Fiorentina-Genoa che per l’Empoli con l’Inter. Posso dire che mai come negli scorsi anni c’è una lotta serrata dietro, tanto che la Fiorentina è stata coinvolta. Per questo la nostra salvezza ha un grande valore. Sarà veramente insidiosa per tutti l’ultima giornata. La Fiorentina non si aspettava di essere coinvolta in questa lotta, ma i valori del campo nell’ultima giornata emergeranno anche per quelle squadre che non erano preparate. Il futuro di Gasperini? Faccio già fatica a pensare a quello che devo fare io, figurarsi gli altri. La cosa bella è che i tecnici italiani stanno dimostrando un grande valore. Per me è un onore rappresentare questa classe. Allenatore Juventus? Meglio far decidere a loro, non hanno mai sbagliato la scelta dell’allenatore”.

Queste le dichiarazioni di Rafael, fresco di rinnovo fino al 2020: “Faccio i complimenti ai ragazzi per tutta la stagione, la gara di domenica sarà importante per la classifica finale, cercheremo di fare una buona partita: la prepareremo al meglio perché è importante per la società, ovviamente spero di giocare. Personalmente ringrazio la società e i tifosi, questa è la mia seconda casa, sono molto felice di restare. Cragno? È un ragazzo per bene, un grande protagonista e un eccellente portiere. Sta facendo una stagione molto buona, vederlo giocare per me, da portiere, è un piacere”.

Sponsorizzati