agenzia-garau-centotrentuno
Fabio-Aru-Vuelta

La Vuelta: Aru attacca e lancia segnali, numero di Majka a El Barraco

Scopri il nostro canale su Telegramle-notizie-di-centotrentuno-su-telegram

Aveva promesso dei tentativi nell’ultima settimana, ma già nella tappa che precede il giorno di riposo Fabio Aru ha provato l’attacco testando le proprie condizioni ancora non ottimali. Il villacidrese è andato in fuga nella Navalmoral de la Mata – El Barraco vinta da Rafa Majka (UAE Emirates) suo iniziale compagno di fuga: il suo tentativo è durato una quarantina di chilometri, ma è comunque un buon segnale per l’ultima parte della corsa iberica.

bianchi-immobiliare-centotrentuno

Grandissima battaglia sin dai primi chilometri di corsa con diversi tentativi di fuga che sono stati neutralizzati dal gruppo: ai -125 km c’è stato il tentativo di Fabio Aru che ha provato ad avvantaggiarsi insieme a Majka e Van Gils sulle prime rampe dell’Alto de la Centenera, con quest’ultimo che si è staccato nella parte centrale della salita. Alle loro spalle si è formato un gruppetto di 21 corridori che hanno tentato l’inseguimento: sul Puerto de Pedro Bernardo, Majka si è liberato del villacidrese, ancora non al meglio della forma, e ha trovato un’azione solitaria che ha il sapore di impresa. Il sardo è stato ripreso dal gruppetto formato da Kruijswijk, Bouchard, Lopez, Izaguirre, Verona e Arensman prima del Puerto de Mijares, il GPM più ostico di giornata dove il classe 1990 della Qhubeka ha definitivamente abbandonato i sogni di gloria, sfilandosi completamente con il passare dei chilometri e facendosi riassorbire dal plotone principale che si è dato battaglia solo nella parte finale del corsa sul GPM di terza categoria di Puerto San Juan de Nava. Majka è arrivato in solitaria, precedendo Kruijswijk e Hamilton, unici attaccanti del mattino a resistere al rientro del gruppo principale regolato da Yates.

Il Cavaliere dei Quattro Mori ha risparmiato la gamba nel finale arrivando 83° con una ventina di minuti di distacco dagli uomini di classifica ed è a oltre 1 ora da Eiking in una classifica generale che non ha subìto variazioni almeno nelle prime posizioni. “Non era nei miei piani andare all’attacco-ha spiegato Aru al termine della tappa-ma dopo 60 km ho visto l’opportunità di testare le gambe. Sono contento di essere ritornato nelle prime posizioni, ma dopo 2 ore e mezza di corsa ero vuoto. Penso sia un bel segnale per la prossima settimana“.  Domani il giorno di riposo della corsa, si riprenderà martedì con la Laredo-Santa Cruz de Bezana di 180 km adatta alle ruote veloci o alle fughe da lontano.

Matteo Porcu

TAG:  Fabio Aru
 

Al bar dello sport

0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti