Max Canzi | Foto Sandro Giordano

Olbia, Canzi: “Siamo in fiducia e non partiamo mai battuti”

Scopri il nostro canale su Telegramle-notizie-di-centotrentuno-su-telegram

Presentazione della sfida di campionato al Renate in casa Olbia, dopo la vittoria per 1-0 nel recupero della trentesima giornata mercoledì al Nespoli contro la Pistoiese. Nuova sfida chiave per la salvezza per i galluresi. Ecco come vive la gara ai lombardi quinti in classifica, domani sabato 3 aprile in trasferta alle ore 15, il tecnico dei bianchi Max Canzi.

In stagione mai due vittorie consecutive, ora però vi servirà trovare una continuità nonostante le assenze per la volata finale salvezza…Ce lo diciamo spesso con i miei collaboratori, non abbiamo mai dato continuità di vittorie. Sì di risultati ma mai con la doppia vittoria che è quello che ha rialzato la Giana ultimamente. Fare due vittorie ti dà lo slancio per uscire dalle sabbie mobili

Renate, avversario in difficoltà ultimamente…Diciamo che la differenza di punti in classifica ci dice che non è un avversario qualunque ma il calcio non è solo mera classifica. Chiunque può perdere con chiunque, noi abbiamo fatto spesso risultato con chi sta in cima. E la partita di ritorno contro l’Alessandria grida ancora vendetta. Noi non partiamo mai battuti, ma rispettiamo loro perché sono tra le migliori squadre per gioco nel girone

Aggiornamento dall’infermeria, chi rientra, chi non recupera?La situazione fisica è complicata, abbiamo giocato con 25 gradi due giorni fa. Non è possibile recuperare in così poco tempo. Ma è inutile piangersi addosso. Sotto l’aspetto mentale dopo la vittoria con la Pistoiese stiamo molto bene. E arriviamo da una serie di buone gare sotto l’aspetto della prestazione. Siamo pochi ancora. viste le tante assenze, ma stiamo recuperando alcuni ragazzi che fin qui avevano giocato poco. Giandonato sta recuperando, è convocato ma stiamo valutando se utilizzarlo o meno perché non è al massimo della condizione. Degli altri non recupera nessuno per il Renate ma possibile per mercoledì. Non ci sarà Lella che già stava male contro la Pistoiese e non è riuscito a recuperare“.

Che gara ti aspetti contro il Renate?Fatico a capire il fattore psicologico della mia squadra e non guardo ai periodi negativi delle altre squadre. L’assenza di Kabashi sicuramente pesa, perché è un giocatore di un livello superiore per il centrocampo in Serie C. Anche da fermo. Loro non hanno mai avuto casi e questo è un vantaggio, alla fine parliamo di un infortunio vero e proprio. La nostra sfortuna è aver avuto dei casi nel momento in cui devi giocare tre gare a settimane“.

Commento sui giovani, da Belloni a Occhioni e Demarcus?Sono contento di tutti e tre, Occhioni è in crescita continua sotto tutti gli aspetti, anche sul lato fisico. Ora ha un altro impatto sul campo. Demarcus sta facendo molto bene e lo vedevo già dagli ultimi allenamenti e non dimentichiamo che lui l’anno scorso faceva soprattutto l’attaccante. Ha imparato da zero a fare il difensore e ora sta dimostrando che il lavoro paga. Belloni è un 2003 e sarebbe al primo anno di Primavera, ricordiamolo. Secci come tutti i ragazzi ha una crescita altalenante, lui ora è nella fase che sta iniziando a tornare su ottimi livelli dopo una crisi nera“.

Le tre gare da recuperare quanto vi influenzano a livello psicologico sulla lotta salvezza?No, senza usare troppi modi di dire noi ragioniamo solo partita per partita, anche perché ora sto facendo la formazione con la conta. Stiamo giocando nell’unico modo possibile, quindi è anche molto semplice il modo in cui affrontiamo le partite: giochi per vincerle tutte. Semplice“.

Roberto Pinna

TAG:  Olbia Serie C
 

Al bar dello sport

0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti