agenzia-garau-centotrentuno
Esultanza dopo un gol della COS | Foto COS

Serie D | Il Cos si prende la scena strapazzando il Sorrento, riparte l’Arzachena

Scopri il nostro canale su Telegramle-notizie-di-centotrentuno-su-telegram
sardares
sardares

La giornata di lunedì vuol dire tempo di analisi e riflessioni con lo sguardo rivolto verso il futuro. Ecco quindi il dodicesimo appuntamento stagionale su Centotrentuno.com, dove raccontiamo il momento delle squadre sarde impegnate nel girone G della Serie D: Arzachena, Ilvamaddalena, Costa Orientale Sarda e Atletico Uri. Società isolane che nell’ultimo fine settimana sono andate in scena nella dodicesima giornata di campionato.

Arzachena

Un ritorno alla vittoria importante tra le mura amiche del “Biagio Pirina” per poter riprendere la propria corsa verso un posto al sole nel girone G della Serie D. L’Arzachena di Marco Nappi, dopo l’importante punto ottenuto in casa della Casertana, ci impiega un’ora per sbloccare la contesa con il Portici grazie ad una doppietta di Nino Pinna e al tris firmato da Massimiliano Manca, bomber ritrovato – come ha spiegato lo stesso Nappi ai microfoni di Centotrentuno.com nel post partita – dopo un momento di appannamento alla voce gol all’attivo. L’Arzachena, oltre alla convincente produzione in fase offensiva, ci ha messo il solito giusto mix di qualità e qualità nel gioco ma soprattutto la volontà di dimostrare di essere una squadra che punta a traguardi importanti nel corso della competizione. Ora la parola d’ordine per Nappi e i suoi ragazzi si chiama continuità di risultati, senza mai perdere di vista il grande obiettivo dell’alta classifica. Nel prossimo turno di campionato, in programma domenica 27 novembre alle ore 14.30, gli smeraldini saranno chiamati ad una trasferta non certo da sottovalutare che sa quasi di scontro diretto con orizzonte playoff contro l’Angri, voglioso di riscatto dopo la sconfitta esterna per 2-0 sul campo della Vis Artena, prossimo avversario dell’Atletico Uri di Massimiliano Paba.

Ilvamaddalena

Maledette palle inattive verrebbe da dire. Su due calci da fermo, l’Ilvamaddalena perde 2-0 sul campo del Real Monterotondo Scalo. I maddalenini guidati da Aldo Gardini tengono bene il campo per 74’, recriminando altresì per un gol annullato ad Altolaguirre al 43’ del primo tempo per un fallo molto dubbio dell’argentino, salvo poi cedere proprio nell’ultimo tratto di partita all’uno-due terribile firmato da Baldassi e Santi, rispettivamente al 74’ e all’85’. Due disattenzioni che sono costate carissimo alla formazione isolana, che era vicina a portare a casa un risultato molto importante nella lotta per i playoff, sebbene l’obiettivo principale per Gardini e i suoi ragazzi sia sempre quello di salvarsi il prima possibile. Tuttavia nulla è perduto per l’Ilvamaddalena che, già dal prossimo turno di campionato, in programma domenica 27 novembre alle ore 14.30, ha in programma un match molto impegnativo sulla carta contro la sorpresa Lupa Frascati, seconda a -3 dal Sorrento capolista. Un test sicuramente complesso per la squadra di Gardini ma che, al tempo stesso, può rappresentare una grande occasione per fare il salto di qualità dal punto di vista mentale, in vista del proseguo di un campionato che, per i maddalenini, è stato fin qui ben al di sopra delle attese.

Costa Orientale Sarda

Una vittoria significativa. Non solo perché arrivata contro la capolista Sorrento ma soprattutto perché i tre punti portano la Costa Orientale Sarda fuori dalla zona calda della classifica. E anche se la graduatoria è ancora corta, dal punto di vista mentale il 3-1 recitato dal tabellino finale rappresenta una bella dose di fiducia per la squadra di mister Loi, che contro i campani ha centrato la terza vittoria nelle ultime cinque partite. Il Sorrento arrivava in Sardegna con i favori del pronostico e il primo quarto d’ora ha testimoniato la forza di una squadra costruita per vincere. Dopo il gol di La Monica però il Cos ha preso coraggio, non si è disunita e ha cominciato a produrre, dando l’impressione di poter far male all’avversario in ripartenza ma trovandosi bene anche con la difesa avversaria schierata. Così prima è arrivato il pareggio di Nurchi, andato vicinissimo al gol del raddoppio nel finale di primo tempo, poi nella seconda frazione il cerchio s’è chiuso, con i cambi che hanno fatto la differenza. Dentro Mancosu, Manca e Cadau, con i primi due autori della seconda e terza rete tra il 63’ e l’88. Importante il ritorno al gol dell’ex Virtus Entella, ma soprattutto fondamentale la capacità di resistere dei gialloblù ai tentativi di rientro in partita di un Sorrento mai domo, andato vicino al pareggio con Petito e Gaetani. Il cambio di passo rispetto alle prime uscite, oltre a portare carattere e gioco, sembra aver regalato anche quel pizzico di sorte in più che aiuta a far girare gli episodi a proprio favore. Un fattore importante in vista di due nuovi esami di maturità in trasferta, contro Paganese e Lupa Frascati nelle prossime due settimane. Match che daranno la misura della complessità del campionato ma che potrebbero dare ancora maggiori sicurezze ai gialloblù. (m.c)

Atletico Uri

Un primo tempo tutto a marca Casertana a fronte di un secondo dove l’Atletico Uri, specialmente con gli ingressi in campo di Scanu e Samb ma anche con le parate di Atzeni, ha reagito con orgoglio sfiorando addirittura una clamorosa rimonta che poi però non si è concretizzata. La squadra giallorossa, guidata da mister Paba, ha avuto sicuramente la volontà di provarci contro un avversario decisamente più attrezzato e che punta decisamente ai primi posti della classifica del girone G della Serie D. Il 5-3 subito allo Stadio Alberto Pinto fa sicuramente male dal punto di vista morale. Ora, però, l’obiettivo di mister Paba e dei suoi ragazzi, già a partire dal prossimo turno di campionato, è quello non solo di registrare una fase difensiva apparsa fragile e in evidente difficoltà, ma anche di ricominciare subito a correre nella lotta per la salvezza. In tal senso, lo scontro diretto del “Ninetto Martinez” contro la Vis Artena, in programma domenica 27 novembre 2022 alle ore 14.30, sarà un banco di prova fondamentale per l’Atletico Uri, che ha solo un punto di distacco proprio dalla formazione rossoverde guidata da Agenore Maurizi.

Fabio Loi

 

TAG:  Serie D
 

guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti