agenzia-garau-centotrentuno

Varese asfalta il fantasma della Dinamo 88-112: Sassari dice addio ai playoff

Scopri il nostro canale su Telegramle-notizie-di-centotrentuno-su-telegram
sardares
sardares
signorino

Una Dinamo Sassari, spenta, poco aggressiva e distratta cede il passo a una Varese più vogliosa e motivata per 88-112. Non basta un’ottima prestazione di Gombauld per trascinare il Banco verso la vittoria, con dei sassaresi apparsi già in vacanza che perdono definitivamente il treno per i playoff.

Cronaca

Palla a due e parte subito la sigla di “DraGombauld”, con il centro francese protagonista tra i biancoblù con schiacciate, recuperate e punti decisivi che permettono al Banco di allungare sul + 6 dopo appena 2’ (11-5). Tyree non approccia benissimo, sbaglia in difesa ed è troppo leggero su alcune scelte in avanti, con coach Markovic che lo chiama subito a sé dopo appena 5 minuti. Varese ringrazia, alza la testa e con il gioco da 3 di Moretti mette la freccia portandosi sul +2 (15-17). Gli ospiti si prendono l’inerzia della gara: Diop non impatta benissimo al posto di Gombauld, poca fisicità e una persa che permette ai lombardi di allungare sul +6 costringendo coach Markovic a spendere il primo time-out della gara (20-26). Il minuto chiamato dalla panchina biancoblù non basta per dare nuova linfa ai sassaresi, Kruslin illude con una bomba dall’angolo, ma in difesa la Dinamo è troppo leggera, con le bombe di Gilmore e Mannion che mandano Varese sul +10 all’intervallo (25-35).

Nuovo quarto ma stessa storia, con la Dinamo che non riesce a riprendere il pallino del gioco. Varese è più motivata e in campo si vede: i ragazzi di coach Bialaszewski giganteggiano sul parquet del PalaSerradimigni. Il divario, dopo appena 2 minuti di gioco, vede gli ospiti sul +19 con il tecnico dei sardi che dopo la seconda schiacciata consecutiva di Okeke chiama a rapporto i suoi per suonare la sveglia (26-45). Missione fallita: di ritorno dal minuto di pausa Sassari non reagisce. Tanti errori nel condurre il pallone, movimenti fuori fase e ritardo in fase difensiva con Mannion e compagni che iniziano a gestire energie e risultato già dal secondo parziale grazie al +22 maturato a 3’ dall’intervallo lungo (35-57). I biancoblù cercano la scintilla con le conclusioni dall’arco, ma il ferro dice sempre no. Gli ospiti continuano la propria marcia, allungando il divario sul +23 e mandando negli spogliatoi la Dinamo tra i fischi del PalaSerradimigni (41-64).

Non cambia la musica di ritorno dall’intervallo, Sassari continua a sbagliare con Varese che produce con maggiore efficienza rispetto ai biancoblù con Mannion e McDermott muovono il tabellone dei lombardi. Scoccato il terzo minuto di gioco il Banco dà segni di vita: le bombe di Tyree e Charalampopoulos accendono il motore di una Dinamo che sembra aver ritrovato fiducia, con il gap che si porta dal -26 al -17 alla metà del quarto (59-76). Time-out Varese. Di ritorno dal minuto di pausa i biancorossi rispondono bene, ma la presenza sotto canestro di Gombauld, così come accaduto nel primo parziale, è un fattore che Mannion e compagni soffrono molto. Il centro francese tocca quota 28 punti nel suo tabellino personale, con la fiamma delle speranze biancoblù che al suono della sirena rimane timidamente accesa (69-91).

Fiamma che si spegne dopo pochi possessi, con la Dinamo che di ritorno dall’intervallo non riesce a ingranare la marcia giusta per ribaltare una gara quasi sempre in salita. Se da un lato c’è la volontà di cambiare volto, dall’altra la maggiore fame da parte di Varese, unita alla giornata nera dei biancoblù, sono il filo conduttore dell’ultimo parziale. Varese supera quota 100 con Sassari che guarda il cronometro scorrere in attesa dell’ultima sirena. Coach Markovic a 4’ dallo scadere concede minuti al giovane Pisano, accolto con un grande applauso dal pubblico di Sassari. Da un lato l’ultima chiamata dei biancoblù per conquistare i playoff, dall’altra la necessità dei lombardi di fare punti per conquistare la salvezza. A fare la differenza è stata la seconda con Varese che, grazie ai due punti conquistati, può festeggiare la salvezza. La Dinamo tra i fischi abbandona il PalaSerradimigni sconfitta per 88-112.

Tabellino

Dinamo Sassari-Openjobmetis Varese 88-112 (25-35; 41-64; 69-91)
(25-35; 11-22; 28-27; 19-21)

Dinamo Sassari: Cappelletti 9; Pisano, Treier, Tyree 9, Kruslin 13, Raspino, Gandini, Diop 11, Gombauld 31, Mckinnie 3, Jefferson, Charalampopouols 12.
Allenatore: Nenad Markovic

Openjobmetis Varese: Gilmore 5, Mannion 24, Ulaneo, Spencer 12, Woldetensae, Moretti 11, McDermott 14, N’Guessan, Besson 20, Okeke 10, Brown 16.
Allenatore: Tom Bialaszewski

Andrea Olmeo

 
Notifiche
Avvisami se ci sono
guest
1 Commento
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti