agenzia-garau-centotrentuno
King Udoh | Foto Sandro Giordano

Le Pagelle | La Rosa spacca tutto, Udoh si riprende il trono

Scopri il nostro canale su Telegramle-notizie-di-centotrentuno-su-telegram

Le nostre valutazione sui galluresi di mister Max Canzi nel recupero della trentesima giornata tra Olbia e Pistoiese nel Girone A di Serie C

bianchi-immobiliare-centotrentuno

Tornaghi 6 – Un posto al sole nel primo tempo, anche se quel palo pronti via sa di brivido del vento del Nord. Nella ripresa si rende protagonista di una serie di interventi sicuri.

Arboleda 6,5 – Il trenino della Gallura va avanti e indietro per il Nespoli senza fare fermate. Spinge tanto e difende come può. In una serie di avanzate crea il panico tra i difensori ospiti.

Altare 6 – Sporco, spigoloso ma bello da vedere. Amministra bene per quasi tutta la gara. Una leggerezza nella ripresa su un rinvio centrale che mette in condizione Maurizi di testare i guantoni di Tornaghi.

Emerson 6,5 – Ordinato. Solitamente non è la prima parola che assoceresti a uno che porta il suo caos calmo e la sua classe su un campo di calcio. Ma in una gara fondamentale come quella con la Pistoiese era il massimo che serviva all’Olbia.

La Rosa 7 – Apre l’erba del Nespoli in due come Mosè con le acque, suo l’assist per Udoh con un intervento bello anche se al limite. A volte balla in ripartenza avversaria ma da filtro lì in mezzo al campo mette grinta e cuore. Ha anche un paio di buone occasioni di testa nella ripresa. Migliore in campo. 

Occhioni 6,5 – Fa caldo al Nespoli ma lui suda la maglia il doppio di tutti in campo. Generoso e per essere un 2001 è il miglior complimento possibile.

Demarcus 6 – Non parte benissimo, sulla sua fascia per i primi 45′ si balla tanto. Nella ripresa cresce e in un paio di occasioni fa delle chiusure ottime. Diesel.

Lella5.5 Di lotta e di governo, canta e porta la croce, insomma a lui spetta la fatica. Complici le assenze deve correre anche più del solito e ogni tanto va in apnea. Si isola in costruzione. (Dal 60′ Belloni 6 – Fatica a trovare la sua posizione tra centrocampo e attacco e va in difficoltà, poi si accende e sfiora anche il gol).

Biancu 6 – Meno ispirato delle altre volte ma è la banca dell’Olbia: quando c’è da mettere la palla al sicuro si entra nella filiale Biancu. Nel primo tempo ha anche un paio di buone occasioni ma la mira non è perfetta.

Ragatzu 6 – Zigzaga, serpentina, ondeggia. Scegliete voi il verbo più simpatico da bravi poeti. Sta di fatto che quando c’è da nascondere la palla lui c’è. Inventa tanto nel primo tempo ma cala vistosamente nella ripresa. (Dall’87’ Marigosus.v.)

Udoh  7 – Il King ritrova il suo trono. Quinto centro stagionale, questo forse più pesante di tutti. Si muove tanto, sbaglia qualche stop ma fa salire la squadra che è un piacere. (dall’80’ Gaglianos.v.)

Allenatore Max Canzi 7 Dopo una settimana complicata dal focolaio Covid e dalla sconfitta con l’Albinoleffe rialza i suoi e lo fa giocando a calcio. La sua Olbia crea, non sempre è brava a finalizzare ma è invece bravissima a chiudere le sortite avversarie rischiando il giusto. Considerando che si tratta di una partita della morte contro la Pistoiese terzultima. Vittoria che è una boccata d’ossigeno importante.

Roberto Pinna

TAG:  Olbia Serie C
 

Al bar dello sport

0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti
sandy-sardinia-spiagge-sardegna