Salvatore Sechi, patron della Torres

Sechi: “Torres seconda: e chi ci credeva?”

Scopri il nostro canale su Telegramle-notizie-di-centotrentuno-su-telegram

Le parole del patron rossoblù Salvatore Sechi al termine della vittoria in rimonta arrivata contro il Ladispoli.

Così Salvatore Sechi, numero uno della Torres, in sala stampa dopo il successo sofferto e meritato contro il Ladispoli: “Sinceramente non mi aspettavo di essere a questo punto della stagione così in alto. Certo, lo speravo e lo sognavo, ma devo dire che nella strategia del campionato questi ragazzi sono stati fin qui straordinari, con una grandissima voglia di arrivare. Però nessuno poteva pensare che potessimo arrivare a questo punto da vicecampioni d’inverno. Cosa possiamo fare adesso? Innanzitutto, come ho sempre detto, cerco di tenere i piedi per terra. La prima cosa che dobbiamo fare è essere consapevoli, stare tranquilli e goderci questo momento. Bisogna ringraziare lo staff tecnico, la squadra e soprattutto i nostri tifosi, specie quelli più vicini, che ci hanno sempre sostenuto. Storicamente a Natale la Torres ne ha spesso fatto di tutti i colori. Anche in questa giornata ci sono stati risultati abbastanza imprevisti: ci stavamo mettendo anche il nostro, ma questi ragazzi non mollano mai ed è sicuramente un bello spettacolo”.

Sul mercato: “Tutti hanno fatto un lavoro straordinario e da questo gruppo non uscirà nessuno. Faremo le nostre valutazioni, ma dobbiamo essere riconoscenti nei confronti di questi giovani, per lo più sassaresi. La Torres è la squadra in Serie D con il più alto numero di giocatori provenienti dal proprio territorio: abbiamo 7 calciatori di Sassari in prima squadra, oltre a tutti i vari under, per di più tutti di proprietà del club. Tranne Colombo, non ho accettato prestiti da altre squadre”. Sechi ha poi voluto commentare il caso Meloni, dopo le dichiarazioni di una settimana fa di Francesco Loi: “Ho chiamato il presidente del Muravera perché volevo chiarimenti a riguardo. Non eravamo al corrente delle dichiarazioni del loro allenatore, ma diciamo che tutto è rimasto lì: non abbiamo mai trattato direttamente Meloni, chiacchiere ce ne sono tante. Quando puntiamo un giocatore, nell’ambito della correttezza e deontologia sportiva, ci rivolgiamo direttamente alla società di appartenenza”.

Infine, un augurio ai tifosi: “Spero che possano seguire le gesta delle squadre di Sassari per andare sempre più in alto. Noi faremo il possibile, non ci mettiamo pressioni, abbiamo una squadra interessante con tanti giovani. Ma il nostro obiettivo è quello di giocare partita per partita”.

dall’inviato a Sassari Roberto Pinna

 

 

TAG:  Serie D Torres
 

Al bar dello sport

0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti