Gabriele Zappa contro il Crotone | Foto Emanuele Perrone

NINO DIXIT | Cagliari, troppe assenze

Scopri il nostro canale su Telegramle-notizie-di-centotrentuno-su-telegram

L’irriverente commento del giorno dopo di Nino Nonnis alla partita del Cagliari.

Grazie a Dazon che pago puntale ho visto solo il secondo tempo e ho la sensazione che sia finita zero a zero. Altri tempi avrei frastimato, ieri me ne sono fregato, perché il calcio è tensione per il risultato. Una volta, stavo a Bologna, andai allo stadio per vedere il Cagliari e appena entrato vidi lo scontro che decise l’uomo in meno per noi e la partita, allora non c’erano sostituzioni. È stata l’unica volta in cui ho visto il Cagliari all’estero, anche se Bologna ti fa sentire a casa.

Quando Dazon ha ripreso stavano intervistando un polacco che parla con le consonanti. È cominciata la spiegazione del momento Juve, i cronisti hanno aggiunto l’esegesi, l’ermeneutica, i Fescennini, le pirlate, le zeppole. Hanno avuto un cedimento per Zappa. La stessa a cui vorrei lascarmi andare io. Non perché sia in disaccordo, ma perché ne scorgo i difetti, ho dubbi sul participio che pure vorrei passato.  Quando avverrà, avremo un giocatore importante, come si dice per non sbilanciarsi troppo. La fase difensiva pare in certi momenti distratta, anche quando si posiziona. Il contrasto sull’uomo è ancora timido.  Ma ha doti atletiche indubbie e una proposizione offensiva costante e immediata. Non può che migliorare perché il suo peggio l’ha già fatto vedere e niente gli è precluso.

La Juve ha marcantoni da tutte le parti, gente dura che ha tackle, contatti, ti sono addosso nel vero senso, se cadi ti passano sopra e non chiedono scusa. Possibile che in 50 falli che fanno abbiano sempre da lamentarsi, invocare il Var, minacciare l’arbitro, mandare a cagare il segnalino? Ho sempre cercato di capire lo stile Juve, pensavo fosse l’orologio sopra il polsino, la mia ricerca continua. Loro non tergiversano, fanno il fallo tattico, le prese di Judo, il dito nell’occhio, il gomito nel fianco, la spintarella. Forse esagero io, ma anche loro non sono male. Devo esaltare Ronaldo? Forse in un altro momento, in questo non posso, Riva ha compiuto gli anni da poco e tutti gli aggettivi li ho usati per lui e non ho duplicati. Se Ronaldo vuole entrare nella mia hall of fame, può farlo da sé, senza pagare, è portoghese.

Nino Nonnis

TAG:  Nino Dixit
 

Al bar dello sport

3 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti